Violazione del diritto d’immagine: “Harris Faulkner” non vuole essere associata a un criceto

violazione del diritto di immagine

Violazione del diritto di immagine

Harris Faulkner è una giornalista di Fox News. Ha citato in giudizio la società di giocattoli Hasbro per concorrenza sleale e violazione del diritto di immagine (il cosiddetto right to publicity). La Hasbro avrebbe usato la sua immagine senza autorizzazione per creare un “Harris Faulkner“, giocattolo a forma di criceto, che fa parte dal 2014 della linea Littlest Pet Shop.

Harris Faulkner

La giornalista non ha approvato la realizzazione e la distribuzione del prodotto, in quanto “sarebbe stata una violazione della deontologia giornalistica, nuocendo direttamente la sua credibilità professionale e sarebbe stato in violazione dei suoi obblighi contrattuali.”

Il giocattolo viene etichettato e distribuito con l’avvertimento di possibile rischio di soffocamento e questo ha reso la querelante “estremamente angosciata dal fatto che il suo nome è stato erroneamente associato con un giocattolo di plastica noto per essere rischioso per i bambini piccoli e per poterne provocare il soffocamento.”

Inoltre,

” il ritratto di Hasbro della Faulkner come un roditore è umiliante e offensivo.”

La denuncia della Faulkner non richiama alcuna giurisprudenza, né entra nei dettagli di quelli che sono gli elementi di un giusto diritto di common law alla rivendicazione del diritto alla pubblicità nel New Jersey (Tribunale adito). In base ai precedenti giurisprudenziali la Faulkner potrebbe con ragione sostenere che la Hasbro ha usato il suo nome senza autorizzazione. Tuttavia, avrebbe bisogno di dimostrare che è stato utilizzato proprio il suo nome per richiamare il personaggio pubblico, non un nome HARRIS FAULKNER generico. Nella denuncia la Faulkner sostiene che il suo è “un nome univoco”, ma Faulkner è, dopo tutto, anche il nome di un famoso scrittore e Harris è ancora un nome piuttosto comune, anche se non per una donna.

La società convenuta dunque dovrà spiegare al tribunale perché ha scelto questo nome particolare per il suo giocattolo.

Potrebbe per esempio sostenere che  il progettista principale della Hasbro si chiama Joe Harris e che ha scritto la sua tesi di laurea su “I criceti nelle opere di William Faulkner”. Nel caso di specie la querelante potrebbe anche sostenere che il giocattolo ne ritrae i tratti essenziali e convincere la corte che gli orsi giocattolo hanno qualche somiglianza con la sua immagine.

C’è una somiglianza fisica tra Harris Faulkner e il giocattolo criceto dallo stesso nome?

La denuncia afferma che il giocattolo “orso ha una somiglianza fisica con la querelante, in particolare la sua carnagione, la forma dei suoi occhi e il design del suo trucco.” Molto difficile sarebbe trovare una somiglianza fisica, se fosse il caso, tra la querelante e il suo giocattolo omonimo, che invece assomiglia forse a Kimba, a Bambi, o ad altri giocattoli dagli occhi grandi o ad un personaggio manga.

Il risarcimento per la violazione del diritto di immagine

La querelante chiede alla Corte di concederle 5.000.000 $ a titolo di risarcimento danni, tra cui danni effettivi e profitti guadagnati dall’uso non autorizzato del suo nome, della sua immagine, e della sua identità. Non le piace proprio essere associata ad un criceto giocattolo.

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Copyright e tutela del Diritto d'Autore. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Claudia è un avvocato che si occupa di diritto d'autore, dei media e dell’entertainment. Rappresenta autori, sceneggiatori, registi, produttori cinematografici e televisivi indipendenti, musicisti e fotografi.

Site Footer