Il nuovo mutualismo al servizio degli artisti di SMart

Il nuovo mutualismo al servizio degli artisti. Il mondo che ci circonda sta cambiando profondamente e abbiamo bisogno di individuare nuove modalità di coabitazione tra differenti bisogni, aspirazioni, lavori, diritti.

Questo processo di cambiamento, come tutte le mutazioni profonde della società, durerà ancora per molti anni e sperimenteremo di sicuro altre modalità di convivenza su differenti sfere della nostra vita.

La sharing economy ad esempio è una nuova frontiera che riguarda tutti molto da vicino perché mette in discussione in modo profondo le relazioni tra le persone ma anche i diritti del lavoro e di cittadinanza.

Proprio in questa nuova dimensione si propone di dire la sua anche SMart.

L’acronimo sta per Società Mutualistica per Artisti ed è una cooperativa che dalla fine del 2013 opera anche in Italia oltre che in altri 8 paesi europei.

L’obiettivo pratico è quello di garantire una stabilità finanziaria ai lavoratori dell’arte e della creatività che tipicamente hanno una tipologia di lavoro intermittente e discontinua e di fornire loro servizi e strumenti per gestire facilmente gli aspetti burocratici delle proprie produzioni.

SMart in Italia si occupa di tutti gli aspetti amministrativi e burocratici del lavoro artistico, creativo e dei freelance e garantisce loro il pagamento del compenso il 10 del mese successivo al lavoro svolto qualunque sia il termine di pagamento da parte del committente.

Questo aspetto è possibile grazie ad un “fondo di garanzia” che implementato dai soci in proporzione al loro apporto economico, garantisce la liquidità necessaria per effettuare i pagamenti e allo stesso tempo protegge dai rischi di default ai quali i lavoratori del settore possono andare incontro qualora agissero in autonomia con i committenti.

SMart in Italia e nella maggior parte dei paesi d’Europa nei quali esiste ha la forma giuridica di una cooperativa perché il modello economico che si vuole sviluppare è un modello equo, sostenibile e partecipativo e la forma cooperativa garantisce questi aspetti.

A differenza di altre realtà che operano nella sharing economy, SMart è un sistema mutualistico del quale tutti i soci sono proprietari ed hanno il potere di decidere le sorti del loro business.

In questo si differenzia moltissimo da aziende for-profit che estraggono il valore aggiunto della loro impresa da asset messi a disposizione da altri soggetti: si pensi ai siti internet di case in affitto per brevi periodi, le transazioni vengono gestite da una società mentre le case e il lavoro per gestire gli ospiti ricade sui proprietari che nulla hanno a che spartire in termini economici e di governance con il proprietario del sito.


Il nuovo mutualismo al servizio degli artisti


SMart è e vuole essere esattamente il contrario!

Vuole condividere gli strumenti che realizza e vuole che gli utilizzatori ne siano proprietari, vuole che i soci siano coinvolti nelle scelte e cera modelli di collaborazione in cui ciascuno lavora per mettere in comune le proprie risorse con gli altri. SMart si impegna a creare meccanismi che rendano maggiormente sostenibile nel tempo il lavoro degli artisti e dei creativi con la finalità di fare loro da parafulmine nei confronti dei committenti più scorretti ma anche di prevenire situazioni di difficile risoluzione.

In Italia SMart ha sede a Milano ed è sostenuta dalla Fondazione Cariplo oltre che da SMart Be e ha un ufficio a Roma.

I risultati ottenuti in questi primi due anni e mezzo sono entusiasmanti e trasparenti, sul sito (www.smart-it.org) sono disponibili i bilanci sociali nei quali è evidenziato l’impatto di SMart nella società.

La rete di SMart in Europa associa oltre 70.000 artisti in Belgio, Francia, Spagna, Svezia, Olanda, Austria, Germania, Ungheria e Italia. Fra qualche giorno, il 28 giugno, parteciperemo tutti a Bruxelles all’assemblea annuale che sancirà la trasformazione di SMartBe in cooperativa.

Tutto il processo di ascolto e condivisione che si è svolto in tutt’Europa durante gli ultimi 12 mesi è disponibile on-line sul sito www.smart.coop nel quale è inoltre possibile ripercorrere tutte le tappe del processo partecipativo.

Un’esperienza unica in Europa della quale, anche noi come Dandi, siamo fieri di essere parte.

Autore dell’articolo è  Giulio Stumpo, Amministratore Delegato di SMartIt – Società Mutualistica per Artisti – soc. coop. impresa sociale

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Tutela Diritto D'Autore. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

🎓 sono l'Avvocato dei creativi: li aiuto a lavorare liberamente sentendosi protetti dalla legge

Site Footer