Diritto di immagine nelle figurine dei calciatori

Diritto di immagine nelle figurine dei calciatori (di Giovanni Facci). In pratica: si può sfruttare economicamente l’immagine di un calciatore ritraendola su una figurina, senza il suo consenso?

Diritto di immagine nelle figurine dei calciatori

Strumentalità tra la riproduzione dell’immagine e la “notizia”.

Finalità informativa e finalità commerciale

Quando l’immagine è utilizzata senza il consenso dell’avente diritto, deve esistere un rapporto di strumentalità tra l’utilizzo e l’informazione, posto a tutela dei diritti dell’interessato.

Il rapporto di strumentalità (tra l’impiego dell’altrui immagine e la realizzazione di una finalità informativa) – che rende lecita la riproduzione – sussiste solo se l’immagine costituisca il fatto su cui cade l’interesse pubblico a ricevere la notizia oppure quando l’immagine rappresenti il naturale corollario della descrizione del fatto.

Si pongono, tuttavia, particolari questioni interpretative quando, nell’ambito della medesima iniziativa – ove è impiegata l’altrui immagine – una finalità informativa – che giustifica la pubblicazione dell’altrui immagine – coesista con uno scopo più propriamente commerciale.

Il giudizio di prevalenza

In particolare, in tale ipotesi, viene fatto ricorso generalmente ad un giudizio di “prevalenza” tra le due finalità (informativa e commerciale). Per accertare la congruenza tra la divulgazione dell’immagine ed il soddisfacimento dell’interesse pubblico e, quindi, la liceità o meno dell’iniziativa.

Esempi

Per questa ragione, è stata giudicata illecita la pubblicazione di un dvd contenente le immagini dei goal di un noto giocatore, ritenendosi prevalente lo scopo di lucro rispetto alla finalità informativa e di cronaca assolta dal prodotto.

Allo stesso modo, è stata considerata illecita un’analoga iniziativa editoriale – anch’essa realizzata senza il consenso dell’effigiato – nonostante l’asserito valore storico enciclopedico della pubblicazione.

Le figurine dei calciatori

Questi prodotti – molto diffusi ed oggetto di collezioni editoriali, che hanno suscitato l’interesse anche dell’antitrust– sono destinati ad essere raccolti in album, contenenti dati ed informazioni sulla persona dell’effigiato.

Di conseguenza, si pone il problema di accertare se la divulgazione sia lecita, pur senza il consenso del singolo calciatore raffigurato, in considerazione non solo della notorietà dello stesso, quanto della finalità, anche informativa, assolta dall’iniziativa editoriale.

La giurisprudenza

In tal senso, si era orientata parte della giurisprudenza di merito la quale – in base alla notorietà dei giocatori raffigurati, nonché degli asseriti scopi anche informativi ed istruttivi delle iniziative editoriali – ha ritenuto in passato comunque legittima la pubblicazione. Tale impostazione appare, decisamente superata, in virtù dell’evidente finalità prettamente commerciale, prima che informativa, delle collezioni editoriali recanti l’immagine dei calciatori. Lo scopo informativo, realizzato attraverso la riproduzione dei dati sulla carriera degli atleti, è marginale rispetto alla finalità commerciale perseguita dall’editore. Tra l’altro il singolo sticker, quindi la parte recante il “ritratto”, è privo di contenuto informativo e può circolare autonomamente, come “bene” di per sé potenzialmente idoneo a produrre un’utilità economica.

Conclusione

Per queste ragioni, nel caso delle c.d. “figurine” non pare potersi prescindere dal consenso dell’effigiato, riprendendo vigore la regola generale dell’art. 96 l.d.a..

La conclusione appare confermata dal rilievo secondo il quale la notorietà giustifica la diffusione del ritratto soltanto se questo viene in rilievo come “documento”, come testimonianza o come complemento del fatto o della circostanza rappresentata, rispetto alla quale la riproduzione risponde ad esigenze di pubblica informazione.

Tale criterio, incentrato sul rapporto di stretta strumentalità tra la riproduzione dell’immagine e la “notizia”, consente di tracciare i confini della liceità delle riproduzioni di immagini di atleti – o più in generale di persone note – contenute, ad esempio, nei quotidiani e nei periodici (rispetto ai quali gli editori perseguono ovviamente finalità anche economiche).

Si ritiene lecita la divulgazione dell’immagine qualora essa sia funzionale alla realizzazione della finalità informativa e narrativa.

pero di averti dato qualche consiglio su come si tutela il diritto di immagine.

Ma ora finalmente è arrivato il momento del regalo!

Nel caso volessi utilizzare una foto del tuo artista preferito, cosa dovrebbe contenere la liberatoria?

Vuoi scaricare il testo di una liberatoria? Basta che compili il modulo cliccando sulla scritta “CLICCA QUI”. Non preoccuparti è GRATIS!

🔵Per scaricare la liberatoria in formato jpeg CLICCA QUI 🔵

liberatoria-riprese-video

Io ho finito e adesso tocca a te 
CONTENUTI A PAGAMENTO:

Vuoi una miniguida per sapere come funziona il diritto di immagine su Internet?

In versione PDF:

In versione Kindle su Amazon:

Se hai dei dubbi su come redigere una liberatoria di diritto d’autore o ne vuoi una su misura, puoi contattarmi prenotando, al costo di € 73,00, una consulenza e il mio PRONTO INTERVENTO.

instagram-e-copyright

Se invece vuoi contribuire alla vita del nostro blog, puoi diventare Patron Sostenitore e con soli  4 $ al mese sostenere tutte le nostre attività online. Con Patreon potrai anche avere accesso a tutti gli articoli, usufruire della consulenza, dei documenti e delle liberatorie già scaricate e che saranno postate mensilmente. Puoi diventare Patron Creatore del nostro blog ed avere accesso, oltre che alle liberatorie, a tutti i contenuti del Blog di DANDI.

Se diventi Creatore, con un contributo mensile di 8 $:

  1. sostieni DANDI e tutti i contenuti gratuiti già online;
  2. hai la priorità e puoi scaricare i contenuti (comprese le liberatorie e i template dei contratti) postati mensilmente su Patreon (TAG liberatoria);
  3. potrai creare il tuo logo DANDI e metterlo in vendita con i nostri gadget nel nostro negozio online. Per diventare Patron e scaricare la liberatoria ed avere accesso a tutti gli altri contenuti,  CLICCA QUI.
CONTENUTI GRATUITI:

Se ti è piaciuto questo articolo e sei soddisfatto delle informazioni che hai ricevuto, puoi lasciare il tuo commento al nostro blog e ai servizi DANDI QUI.

instagram-e-copyright

Se ti è piaciuto l’articolo, dona il tuo like con TinabaLike e 1 centesimo per aiutarci a scrivere e tenere aggiornato DANDI.

Like me!

instagram-e-copyright

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Diritto d'Autore e Copyright. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Claudia è un avvocato di diritto d'autore, dei media e dell’entertainment. Rappresenta autori, musicisti e produttori cinematografici indipendenti.

Site Footer