La dicitura “Made in Italy”

Dicitura Made in Italy: che cosa non è Made in Italy?

Dicitura Made in Italy

“Made in” e marchio: l’attuale normativa

Quali sono le condizioni per poter riportare sui prodotti da commercializzare in Italia o all’estero la dicitura “made in Italy”? Il problema sorge, in particolare, quando alcune o tutte le fasi di lavorazione del prodotto si svolgono fuori dal territorio italiano.

 In questo caso occorre accertare:

  • se e come si possono qualificare tali prodotti come italiani
  • se sussiste un obbligo giuridico di menzionare il luogo geografico di svolgimento delle lavorazioni.

Il “made in” sul piano internazionale

Molti Paesi hanno siglato l’Accordo di Madrid, il quale prevede l’obbligo di “indicazione precisa ed in caratteri evidenti del paese o del luogo di fabbricazione o di produzione, o un’altra indicazione sufficiente ad evitare ogni errore sull’origine effettiva, sotto pena del sequestro del prodotto”.

“Pazzi” per il Made in Italy

Quando si può usare la dicitura Made in Italy. 

Made in Italy è un’espressione che evoca in tutto il mondo l’idea di prodotto italiano, ha acquisito nel tempo il sinonimo di garanzia di qualità, ricerca e tradizione propria di alcuni settori industriali del nostro Paese, come quello della moda o quello agroalimentare, solo per citare i più famosi.

Ma cosa si intende realmente con Made in Italy?

Cosa è Made in Italy e cosa non lo è?  C’è differenza tra Made in Italy e 100% Made in Italy? Quale è la tutela del marchio Made in Italy?

Rispondere a queste domande è tutt’altro che facile.

Non esiste in Italia una normativa chiara in tale materia, ma una serie di leggi di non facile individuazione ed interpretazione, emesse, per lo più in materia doganale, sia a livello comunitario che nazionale.

Le classi merceologiche.

Innanzitutto, fatta eccezione per alcuni settori merceologici (ad es: prodotti cosmetici o agroalimentari), la legge non prevede l’obbligo di apposizione della dicitura Made in ItalyLa specificazione dell’origine italiana di un prodotto è quindi non un dovere, ma una facoltà, che può rappresentare per molti imprenditori una strategia di marketing per invogliare i consumatori all’acquisto dei loro prodotti.

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Diritto d'Autore e Copyright. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

🎓Sono l'avvocato dei creativi: li aiuto a lavorare liberamente sentendosi protetti dalla legge

Site Footer