Chiamami col Mio Nome: @guadagnigno

account twitter personaggi famosi

Chiamami Guadagnigno, anche se mi chiamo Guadagnino.

Il problema delle fake news e degli account falsi è una questione spinosa anche per Twitter. Il social network fondato da Jack Dorsey nel 2006 circa un anno fa si è dotato di stringenti misure di sicurezza per rendere più affidabile il servizio offerto agli utenti partendo proprio dalla cancellazione di account abusivi. Come quello che risulta essere alla fine @guadagnigno.

Qualche dubbio doveva venire dal nome storpiato @guadagnigno. Eppur ci sono cascati in tanti. Anche Tiziano Ferro che ha ritwittato o taggato l’account fake del regista Luca Guadagnino. Aperto all’indomani delle quattro nomination agli Oscar, il finto account commentava (in italiano e in inglese):

For the four nominations for #CallMeByYourName. I’m really grateful!
Grazie per le quattro nomination per #ChiamamiColTuoNome. Sono davvero grato!#OscarNoms #Oscars2018 #Guadagnino

La gratitudine è vera, tutto il resto è finto. Infatti il regista non usa i social network. Ciò nonostante l’account falso ha continuato a sfornare tweet di natura molto diversa: appuntamenti alle anteprime, rassegna stampa degli articoli che parlano del film, risultati al box office. Alcuni sono decisamente più personali tanto da far cadere nell’errore molti fan. Il 29 gennaio si legge infatti: “Riceviamo tanti e bellissimi messaggi di supporto e di incoraggiamento. Sentire tutto questo calore è molto piacevole. Grazie di cuore, Luca”.

Ma ciò che lascia perplessi sono i tweet di natura politica che assegnano al regista dichiarazioni che non sono state mai fatte sulle tematiche Lgbt, sulle Unioni Civili, persino su Trump.

“In ogni caso #ChiamamiColTuoNome è un film politico perché insegna a non diventare come il presidente #Trump che è una persona piena di rancore e rabbia”.

E poi “Le #UnioniCivili sono una delle battaglie di civiltà vinte in #Italia. La dichiarazione di #Roccella è qualcosa di aberrante. L’amore non ha confini né sessi. Questa è una dichiarazione da campagna elettorale che non si può realizzare nella realtà”.

Un messaggio commentato da 41 persone, ritwittato da 877 e con ben 2127 “mi piace”. Tutte reazioni che non tengono conto del fatto che non sia stato Guadagnino ad averlo detto.

Non è certo il primo caso di account fake nel mondo dello spettacolo:

  • Carlo Verdone aveva più volte messo in guardia da profili falsi a suo nome su Twitter e su Facebook finché poi ne ha aperto uno suo, ufficiale.
  • Levante, giudice di X Factor, aveva interagito con un account Twitter fake di Rita Bellanza  (pieno di livore nei confronti dei “colleghi” Maneskin) che poi era stato fatto chiudere.
  • Maria De Filippi, nelle poche righe di autopresentazione o biografia che si può inserire sotto l’account nel caso di @MDFilippiFan c’è scritto, a scanso di equivoci, “Pagina fan di Maria De Filippi. Conduttrice tv: Amici, C’è posta per te, Uomini e Donne”,
  • mentre in quello di @guadagnigno troviamo “Director, screenwriter and film producer. Proudly Italian and Sicilian”

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Diritto d'Autore e Copyright. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Claudia è un avvocato di diritto d'autore, dei media e dell’entertainment. Rappresenta autori, musicisti e produttori cinematografici indipendenti.

Site Footer