Nomi a dominio e casi di conflitto

Nomi a dominio e casi di conflitto

Partendo dall’ipotesi — forse la più frequente — di marchio registrato anteriore e nome di dominio uguale o simile ottenuto successivamente da terzi, possiamo avere il caso dell’attività uguale o affine (concorrenza merceologica), a sua volta da distinguersi a seconda che esista o meno una sovrapponibilità di mercato geografico, e il caso dell’attività non affine, a sua volta da distinguersi a seconda che il marchio sia rinomato o no.

II caso semplice è quello tra imprese non concorrenti: la titolare del marchio non potrà in alcun modo impedire all’altra impresa di utilizzare il nome di dominio assegnatole, se non, forse, con azione prettamente civilistica di abuso del diritto.

Il caso di concorrenza merceologica ma non territoriale è meno semplice: dal momento che la rete attualmente non distingue in base al criterio territoriale. Ne segue che il secondo arrivato anche se sia titolare di marchio anteriore al nome di dominio del concorrente, dovrà chiederne alla RA uno leggermente modificato.

Se la concorrenza è sia merceologica sia territoriale, allora il rimedio sopra accennato non varrà. Il primo arrivato otterrà il nome di dominio, con la possibilità per l’altro di promuovere la procedura di riassegnazione e/o causa civile, da utilizzare poi verso la RA per ottenere il trasferimento a proprio favore: in tale caso il nome di dominio sarà alla fine assegnato a chi verrà riconosciuto come avente diritto sul segno distintivo (tradizionale) corrispondente.

Qualora il marchio anteriore sia rinomato, secondo i principi generali l’area merceologica riservata al titolare si amplierà notevolmente: anzi, si amplierà per qualsiasi marchio, in misura pari alla sua rinomanza o, meglio, pari al contenuto comunicazionale di cui il marchio venga caricato.

Come nel conflitto tra marchi tradizionali, si deciderà caso per caso se ricorrano i requisiti per la tutela allargata, salvo ritenere che per i marchi rinomati (o per quelli celebri) la tutela extramerceologica sia illimitata.

La mera registrazione senza l’uso, però, uso che consiste almeno nella messa in linea di un sito con un minimo di messaggi promozionali, non può essere sanzionata: altrimenti non si può sapere né se il soggetto sia un imprenditore, né comunque in quale settore voglia utilizzare il sito.

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Copyright e Diritto d'Autore. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Claudia è un avvocato di diritto d'autore, dei media e dell’entertainment. Rappresenta autori, musicisti e produttori cinematografici indipendenti.

Site Footer