NUOVO FONDO PER LA COPRODUZIONE DI OPERE CINEMATOGRAFICHE TRA ITALIA E FRANCIA

Nuovo fondo Italia Francia

Nuovo fondo per lo sviluppo di opere cinematografiche in coproduzione tra Italia e Francia – X° Edizione – (1° scadenza 2018)

Il fondo è rivolto allo sviluppo di progetti in coproduzione tra Italia e Francia di opere cinematografiche, indipendentemente dal genere (fiction, animazione e documentario), destinati ad una prima diffusione nelle sale cinematografiche e di durata superiore a 75 minuti.
Per beneficiare dell’aiuto, le opere cinematografiche devono prevedere, da una parte, almeno un produttore con sede legale in Francia e, dall’altra, almeno un produttore con sede legale in Italia.
Gli apporti rispettivi dei due Paesi possono variare da un minimo del 20% ad un massimo dell’80%, tali apporti finanziari devono essere commisurati con il contributo tecnico ed artistico di ciascun co-produttore.
Le coproduzioni “finanziarie”, vale a dire quelle coproduzioni che non comportino alcun contributo tecnico e artistico proporzionale agli apporti finanziari, non possono beneficiare di alcun aiuto previsto dal Fondo.Il progetto dovrà prevedere la realizzazione di un’opera di lungometraggio, prodotta nell’ambito di una coproduzione franco-italiana e a prioritario sfruttamento in sala. Deve lasciar prevedere, inoltre, un potenziale tanto artistico, quanto culturale per entrambi i mercati, francese ed italiano.

L’aiuto massimo per ciascun progetto non potrà essere superiore al 70% del preventivo di sviluppo e non potrà superare l’ammontare di € 50.000.

L’aiuto è finalizzato a sostenere le seguenti spese di sviluppo relative a:

    • la remunerazione degli autori per il lavoro di scrittura necessario per lo sviluppo
    della sceneggiatura finale e l’acquisizione da parte del produttore dei diritti di adattamento e di sfruttamento cinematografico del progetto;
    • alcune spese accessorie relative alla scrittura e allo sviluppo del progetto, specificamente quelle corrispondenti a lavori di ricerca, sopralluoghi, documentazione, traduzione, i costi del personale e relativi oneri sociali, nonché le eventuali spese legali.

Per i film di animazione, potranno, inoltre, essere presi in considerazione:

    • i costi di sviluppo grafico;
    • il costo di produzione di una copia pilota.

Il producer fee, unitamente alle spese generali, entro dei limiti all’interno dei costi di sviluppo, possono essere inclusi nel preventivo. L’ammontare dei rispettivi costi (producer fee e spese generali), in ogni caso, non potrà superare il 10% del preventivo di sviluppo.
Saranno rimborsati solo i costi sostenuti prima del primo(1°) giorno di presentazione della domanda di Nazionalità preventiva e successivamente alla presentazione della domanda di aiuto.

Il produttore italiano – maggioritario, minoritario o paritario – dovrà inviare i dossier in italiano (amministrativo separato da quello artistico) entro e non oltre il 20 marzo 2018 al seguente indirizzo di posta elettronica:
per il MiBACT :
FSIF@beniculturali.it

Il produttore italiano – in accordo con il coproduttore francese – dovrà inviare i dossier (amministrativo separato da quello artistico) integralmente tradotti in francese del medesimo progetto, per il quale si richiede il sostegno economico, entro e non oltre il 20 marzo 2018 al seguente indirizzo di posta elettronica:
per il CNC : ADFI @cnc.fr

Per maggiori informazioni qui trovi il bando:
BANDO

PRENOTA ORA gratuitamente un appuntamento telefonico di 30 minuti con l’Avvocato Valentina Mayer per una valutazione del tuo progetto

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Tutela Diritto d'Autore e Copyright e Diritto cinematografico. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Valentina è un avvocato specializzato in diritto europeo, diritto dei media e dello spettacolo; fornisce assistenza e consulenza nel campo del diritto d’autore e del copyright sia nella fase costitutiva dei diritti che in quelle della loro valorizzazione e sfruttamento sul mercato.

Site Footer