Emma Marrone e il contratto di cessione diritti di immagine

emma-marrone-sloggi-testimonial

Emma Marrone, nel 2014, ha sottoscritto con la Triumph un accordo di testimonial per la promozione del brand “SLOGGI” per dieci mesi. Triumph la cita in giudizio dicendo che nel novembre 2014, Emma avrebbe girato un videoclip, diffuso online, nel quale l’artista vestiva un capo di intimo a marchio “La Perla”.

emma-marrone-sloggi-dandi-media

Il diritto di immagine e il contratto del testimonial riguardano una modalità con cui si può pubblicizzare un prodotto. Il testimonial deve letteralmente testimoniare in favore del soggetto pubblicizzato, rendendolo più credibile ed affidabile in virtù del suo semplice “prestarsi alla causa”. Proprio in virtù di questo trasferimento di credibilità dal testimonial verso il pubblicizzato, il rischio che si corre è che in caso di vicende che ledono l’immagine del primo ne può risentire anche l’immagine del secondo.

Il Tribunale esamina il contratto stipulato fra le parti.

Il contratto prevedeva la cessione a Triumph del diritto di utilizzo al nome, al ritratto e all’immagine della testimonial su tutto il territorio italiano per tutte le attività di comunicazione, promozione e pubblicità di prodotti di abbigliamento intimo femminile. Alle parti convenute era quindi imposto di non utilizzare in proprio e di non cedere l’utilizzo dei diritti sopra citati a soggetti concorrenti della parte attrice con riferimento a prodotti di abbigliamento intimo. A fronte di tale diritto di esclusiva parte attrice si era impegnata a versare alla convenuta un corrispettivo di € 200.000, onere puntualmente adempiuto.

emma-marrone-diritto-immagine-dandi-media

Dunque, per tutta la durata del contratto, l’utilizzo dei diritti di sfruttamento dell’immagine, del nome e del ritratto della Marrone con riferimento a prodotti di lingerie spettava solo ed esclusivamente a Triumph. Questo vincolo di esclusiva ha costituito, secondo i principi classici del diritto civile, la causa giustificatrice della controprestazione di parte attrice consistente nel corrispettivo pattuito.

Appare dunque legittimo che nello svolgimento della professione artistica, alla parte convenuta venisse richiesto un comportamento tale da non porsi in contrasto con il contratto di esclusiva dalla medesima sottoscritta con Triumph. Integra inadempimento contrattuale l’aver eseguito parte convenuta una performance artistica mettendo in mostra un capo di intimo appartenente ad una impresa concorrente nel periodo di vigenza del rapporto contrattuale in questione.

In altri termini, l’Artista si è resa inadempiente al contratto. Per questo motivo, il Tribunale l’ha al risarcimento del danno in favore della società attrice.

La sentenza riassunta sopra è stata emessa dal Tribunale Milano il 16/08/2017. Clicca qui se vuoi leggerla per intero: SENTENZA n. 8722/2017 pubbl. il 16/08/2017.

Spero di averti dato qualche informazione utile su come funziona il diritto d’autore nel mondo delle celebrities.

Io ho finito e adesso tocca a te 

Se vuoi saperne di più di come funzionano i contratti con le celebrities, leggi la mia miniguida su Amazon a soli € 7,00:

Se ti è piaciuto questo articolo e sei soddisfatto delle informazioni che hai ricevuto, puoi lasciare il tuo commento al nostro blog e ai servizi DANDI QUI.

Liberatoria video

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Diritto d'Autore e Copyright. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

🎓Sono l'avvocato dei creativi: li aiuto a lavorare liberamente sentendosi protetti dalla legge

Site Footer