Cos’è un format televisivo?

Cos'è un format televisivo

Cos’è un format televisivo?

La definizione degli autori

I primi autori che si sono interessati all’argomento, in anni in cui il format televisivo sembrava appannaggio esclusivo della TV americana, hanno definito il format come

«uno schema di base che individua i principali tratti caratteristici di una trasmissione televisiva o (più spesso) di un’intera serie di trasmissioni tra loro variamente coordinate»

La definizione della SIAE

In seguito tale concetto è stato ulteriormente affinato per intervento della SIAE che ha definito il format come

«un’opera dell’ingegno avente struttura originale esplicativa e compiuta nell’articolazione delle sue fasi sequenziali e tematiche, idonea ad essere rappresentata in un’azione radiotelevisiva o teatrale, immediatamente o attraverso interventi di adattamento o di elaborazione o di trasposizione, anche in vista della creazione di multipli. Ai fini della tutela, l’opera deve comunque presentare i seguenti elementi qualificanti: titolo, struttura narrativa di base, apparato scenico e personaggi fissi». 

La definizione della Cassazione

La Cassazione fa propria la definizione della SIAE, ma esplicita un elemento nuovo, ossia quello della descrizione: un format televisivo, per essere tutelato quale opera dell’ingegno protetta dal diritto d’autore, non solo deve consistere in

«uno schema di programma, un canovaccio delineato nei suoi tratti essenziali, generalmente destinato ad una produzione televisiva seriale”, ma tali elementi devono risultare anche «da una sintetica descrizione».

 

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Copyright e tutela del Diritto d'Autore. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Claudia è un avvocato che si occupa di diritto d’autore, dei media e dell’entertainment. Rappresenta autori, sceneggiatori, registi, produttori cinematografici e televisivi indipendenti, musicisti e fotografi.

Site Footer