Gesù e Maria hanno il diritto di immagine?

Il diritto di immagine di Maria e di Gesù

Il diritto di immagine di Maria e di Gesù

Si possono usare Gesù e Maria su poster e web?

Sulla Repubblica online di oggi si legge che la corte di Strasburgo ha condannato la Lituania per aver multato un’azienda che ha usato i simboli religiosi per vendere vestiti. L’accusa era “aver offeso la morale pubblica”. Ma la Corte non ha ravvisato alcuna violazione e Vilnius dovrà risarcire la ditta con 580 euro. Ha prevalso il diritto alla libertà d’espressione dell’azienda.

I fatti risalgono al 2012. Una società lituana che produce vestiti lancia una campagna pubblicitaria utilizzando la foto di Gesù e di Maria. Lui in jeans e tatuato. Lei vestita di bianco e con una collana di perline. Lei dice “Gesù, che pantaloni!”. Lui risponde “Cara Maria, che vestito!” e “Gesù e Maria, cosa indossate!”. Le pubblicità danno vita a proteste inviate all’Agenzia nazionale per la difesa dei diritti dei consumatori. Quest’ultima chiude il giudizio affermando che le pubblicità non rispettano la religione. Dunque violazione della morale pubblica e multa di 580 euro.

Nella sentenza odierna i giudici ribaltano la decisione. Affermano che le pubblicità in questione “non sembrano essere gratuitamente offensive o profane” e “non incitano all’odio”. Le ragioni date dalle autorità “sono vaghe e non spiegano con sufficiente esattezza perché il riferimento nelle pubblicità a simboli religiosi era offensivo”. Nella sentenza si legge che la Corte di Strasburgo ritiene che “la libertà di espressione costituisce uno dei fondamenti essenziali di una società democratica e una delle condizioni di base per il suo progresso e per l’autorealizzazione individuale di ciascuna persona“. Essa, inoltre, “si estende a idee che scioccano, offendono o disturbano”. Per i giudici, le immagini “non sembrano gratuitamente offensive o profane, né incitano all’odio per motivi di fede o attaccano una religione in modo in abusivo o gratuito”.

Il tribunale conclude che le autorità locali non hanno “raggiunto un giusto equilibrio tra la protezione della morale pubblica e i diritti delle persone religiose da una parte, il diritto alla libertà d’espressione dell’azienda dall’altra”.

La libertà di espressione ha prevalso sul diritto di immagine! E tu che ne pensi?

Io ho finito e adesso tocca a te 

Se vuoi saperne di più sul diritto di immagine, ti consiglio la mia miniguida a soli  € 7,00 su Amazon:

Se hai dei dubbi, puoi contattarmi prenotando, al costo di € 73,00, una consulenza e il mio PRONTO INTERVENTO.instagram-e-copyright

Se ti è piaciuto questo articolo lascia il tuo commento al nostro blog e ai servizi DANDI QUI.instagram-e-copyright

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Tutela Diritto d'Autore e Copyright. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Claudia è un avvocato di diritto d'autore, dei media e dell’entertainment. Rappresenta autori, musicisti e produttori cinematografici indipendenti.

Site Footer