Elisabetta d’Inghilterra diventa regina del pop comprando i diritti di autore di alcuni dei più grandi successi degli ultimi 40 anni

regina elisabetta

Era risaputa la sua passione per la musica ma in pochi si sarebbero aspettati tanta modernità. La regina Elisabetta d’Inghilterra ha comprato i diritti di alcuni dei più grandi successi pop degli ultimi 40 anni. Parliamo di autori e interpreti famosi. Alcuni dei nomi? Beyoncé, Bruce Springsting e Justin Timberlake.

La regina Elisabetta ha messo le mani su 24 mila brani. Sono per citarne alcuni, stiamo parlando di Beyoncé (Put a Ring on It), Bruce Springsteen, Rihanna (Umbrella), Elton John, Guns N’Roses, Bon Jovi (Living on a prayer), Eurythmics (Sweet dream), Justin Timberlake e la famosissima All I want for Christmas di Mariah Carey. Questi brani fruttano ogni anno centinaia di milioni di sterline per ogni “click” e sono di certo un bell’investimento in termini di guadagno sul diritto d’autore.

La Sovrana ha acquisito i diritti d’autore sulla canzoni attraverso il Fondo di investimento della Chiesa anglicana, CCLA Investment Management, governato di fatto da lei.

Justin Welby, arcivescovo di Canterbury
Justin Welby, arcivescovo di Canterbury

Socio nell’affare un altro insospettabile appassionato di musica ma soprattutto di investimenti. Parliamo di Justin Welby, l’arcivescovo di Canterbury, uno dei principali azionisti di Hipgnosis Songs Fund, fondo che gestisce le royalties di un catalogo di oltre 24mila canzoni.

Chi ha suggerito l’acquisizione alla Regina? È stato Merck Mercuriadis, uno dei più famosi dirigenti e imprenditori dell’industria musicale canadese-americana oltre che fondatore di Hipgnosis Songs Fund, una società di investimento in proprietà intellettuale della musica.

Merck Mercuriadis, Hipgnosis Songs Fund
Merck Mercuriadis, Hipgnosis Songs Fund

L’oro sonoro è un bene-rifugio che tutti oggi vogliono accaparrarsi ma né Sua Maestà, né l’arcivescovo di Canterbury saranno direttamente coinvolti nella gestione dei diritti

dice Mercuriadis.

E, anche se a qualcuno non è piaciuta l’idea di associare le tradizioni della Casa Reale con il rap di Fifty Cent è proprio il caso di dire che Elisabetta ci ha visto lungo. Il settore della musica pop infatti non è per niente in crisi anzi, proprio in questo momento di lock down e clausura forzata è probabilmente il miglior investimento che si possa immaginare. Sarà dunque una “reale” passione per il pop quella che ha spinto la regina Elisabetta all’acquisto oppure un “reale” senso degli affari?

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Diritto della Musica. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

🎓 sono l'Avvocato dei creativi: li aiuto a lavorare liberamente sentendosi protetti dalla legge

Site Footer