Convenzione Europea di Coproduzione Cinematografica: scopo, paesi sottoscrittori, punti di applicazione

Convenzione europea di coproduzione cinematografica

Convenzione Europea di coproduzione cinematografica

La Convenzione europea di coproduzione cinematografica è applicabile alle coproduzioni multilaterali o bilaterali anche in mancanza di uno specifico trattato. Sulla base di trattati stipulati dall’Italia con altri Stati, le imprese cinematografiche possono partecipare con imprese estere alla produzione di film. Gli accordi di coproduzione bilaterale tra Italia e altri Paesi sono 26.

Convenzione europea di coproduzione cinematografica

La convenzione Europea è aperta agli Stati membri del consiglio d’Europa e agli altri Stati che prendono parte alla Convenzione Culturale Europea. Anche se un accordo bilaterale è un’opzione più appetibile, la Convenzione è un minimo comun denominatore largamente accettato, il che rende più facile che tutta una serie di coproduzioni in Europa riescano a procedere. Essa è uno strumento particolarmente efficace nelle coproduzioni che vedono coinvolti tre produttori da tre diversi Paesi, e può inoltre sostituire un accordo di coproduzione tra due Paesi in caso di assenza dello stesso.

Convenzione europea di coproduzione cinematografica: scopo

Loƒ Scopo della Convenzione: è di incoraggiare lo sviluppo di coproduzioni cinematografiche multilaterali, di salvaguardare la libertà di creazione e di espressione e di difendere le differenze culturali dei diversi Paesi europei.

I Paesi sottoscrittori della Convenzione sono:

Albania, Armenia, Austria, Azerbaijan, Belgio, Bosnia e Erzegovina, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia Ex‐Repubblica Jugoslava di Macedonia, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Montenegro Norvegia Paesi Bassi Polonia Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Romania, Russia, Serbia, Slovenia, Spagna Svezia, Svizzera, Turchia, Ucraina, Ungheria.

La Convenzione si applica:

  • alle coproduzioni che associano almeno tre coproduttori che risiedono in tre Parti diverse della Convenzione; e
  • alle coproduzioni che associano almeno tre coproduttori che risiedono in tre Parti differenti della Convenzione nonché uno o più coproduttori che non risiedono in quest’ultime.
  • La partecipazione complessiva dei coproduttori che non risiedono nelle Parti della Convenzione non può tuttavia superare il 30 per cento del costo totale della produzione. In ogni caso, la presente Convenzione si applica soltanto a condizione che l’opera coprodotta risponda alla definizione di opera cinematografica.

Le definizioni della Convenzione:

  • «opera cinematografica»: designa le opere di qualsiasi durata e su qualsiasi supporto, in particolare le opere cinematografiche di fiction, di animazione ed i documentari, conformemente alle disposizioni relative all’industria cinematografica esistente in ciascuna Parte interessata, destinati ad essere diffusi nelle sale cinematografiche;
  • «coproduttori»: designa le società di produzione cinematografica o i produttori che risiedono nelle Parti contraenti della presente Convenzione e sono legati da un contratto di coproduzione;
  • «coproduzione multilaterale»: designa un’opera cinematografica prodotta da almeno tre coproduttori;
  • il termine «opera cinematografica europea» designa le opere cinematografiche che rispondono alle condizioni definite nell’allegato II, parte integrante della presente Convenzione. Un’opera cinematografica è europea se essa contiene almeno 15 punti su un totale di 19, in base ai criteri riportati nella scala qui di seguito.

Tenuto conto delle esigenze della sceneggiatura, le autorità competenti possono, dopo essersi messe d’accordo tra loro, e qualora esse ritengano che l’opera rifletta comunque l’identità europea, ammettere al regime della coproduzione un’opera con meno dei 15 punti normalmente richiesti.

Elementi europei: Punti di valutazione

Gruppo autori

  • Regista 3
  • Sceneggiatore 3
  • Compositore 1

Gruppo interpreti

  • Primo ruolo 3
  • Secondo ruolo 2
  • Terzo ruolo 1

Gruppo tecnica e ripresa

  • Immagine 1
  • Suono e missaggio 1
  • Montaggio 1
  • Scene e costumi 1
  • Studio o luogo delle riprese 1
  • Luogo della postproduzione 1

Convenzione europea di coproduzione cinematografica


Convenzione europea di coproduzione cinematografica: condizioni previste

Le proporzioni minime (10%) e massime (70%) degli apporti dei coproduttori, il diritto di comproprietà di ciascun coproduttore del negativo originale, delle immagini e delle musiche, il generale equilibrio degli investimenti e delle partecipazioni tecniche ed artistiche obbligatorie (proporzionali all’impegno finanziario), le misure che le Parti devono prendere al fine di facilitare la realizzazione, l’esportazione e la partecipazione a festival delle opere cinematografiche ed il diritto di una Parte di esigere una versione finale cinematografica nella sua lingua.

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Diritto d'Autore e Copyright e Diritto cinematografico. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

🎓Sono l'avvocato dei creativi: li aiuto a lavorare liberamente sentendosi protetti dalla legge

Site Footer