Royalties cosa sono

Le royalties cosa sono? Sono dei compensi che, applicati nel campo del diritto d’autore, vengono corrisposti agli autori. Anche le aziende possono percepire royalties. È il caso in cui in cui una società detenga un brevetto o una licenza: dallo sfruttamento dei diritti della licenza o del brevetto derivano delle royalties.

Quindi cosa sono le royalty?

Royalties definizione

La parola royalty indica il compenso riconosciuto al proprietario di un prodotto o di un marchio o al titolare di un brevetto o di un’opera intellettuale come corrispettivo per l’autorizzazione a utilizzare il prodotto, marchio, brevetto, opera intellettuale per fini commerciali.

Le royalty sono influenzate dal profitto dell’artista e dal costo di produzione, elementi che devono essere previsti nell’accordo verrà concluso dall’artista. Si può parlare di una percentuale fissa di guadagno (che può arrivare in Italia fino a circa il 30%), o, in alternativa, di una percentuale a forfait, quindi variabile. Le royalty riguardano sia la commercializzazione delle opere artistiche che le registrazioni che avvengono in studio.

Royalties cosa sono

Nel diritto d’autore, gli artisti, come musicisti e scrittori, vengono pagati in parte o esclusivamente tramite royalties. In Italia l’ente che si occupa di raccogliere i compensi per l’uso delle opere di ingegno e la redistribuzione dei relativi proventi è la SIAE,

Quali sono gli artisti e le band musicali che, in vari modi, protestano contro le major discografiche e la messa in commercio dei loro album o brani singoli sulle piattaforme digitali che riconoscono royalties esigue?

Royalties significato secondo Spotify

È ormai noto che uno dei problemi di immagine peggiori per Spotify, il cui network vale 4 miliardi di dollari e raggiunge milioni di persone, una buona percentuale delle quali disposte a pagare un canone periodico, riguarda proprio le royalties.

Sono davvero molti gli artisti e le band che ritengono decisamente insufficiente il volume di denaro che fluisce nelle loro casse dal servizio: in media $0.007 per ogni riproduzione.

Royalties e diritto d'autore

Come ci insegnano i Vulpeck, una band americana che, con un gesto di protesta e un’idea geniale, è riuscita a ricavare ben  $20.000 in royalties dal servizio streaming Spotify: la miglior rivoluzione è quella silenziosa.

La band del Michigan ha deciso di protestare contro Spotify e gli scarsi guadagni corrisposti agli artisti che decidono di approfittare di questo network. Sulla carta Spotify è il medium perfetto per distribuire la propria musica e farsi conoscere, nella realtà le cose stanno un po’ diversamente.

Ha preso la forma di un album silenzioso, composto da track da 30 secondi l’una. I Vulfpeck hanno chiesto ai propri fan di “ascoltare” l’album, battezzato Sleepify, mentre dormivano. I 30 secondi non rappresentano una durata casuale: sono l’ascolto minimo per far registrare la riproduzione della traccia a Spotify e assegnare le scarne royalties all’artista che l’ha creata.

Vulfpeck-Royalties cosa sono

Rivolta alla protesta quanto al finanziamento di un tour, ha avuto un certo successo. Sleepify è stato ascoltato tante volte da guadagnare un totale di $20.000. Il programma della band era di usare il ricavato per andare a suonare nelle zone geografiche in cui Sleepify è stato riprodotto più spesso.

Ha negato con forza le accuse di cupidigia, non prendendosela troppo per le critiche e decisa a non voler trasformare Sleepify in un circo mediatico, ha contattato Jack Stratton, tastierista e portavoce dei Vulfpeck dicendo che “ Sleepify è stato ritenuto divertente e furbo, ed è piaciuto al team, ma violava i termini d’uso”.

Sleepify

È sparito dalla piattaforma ma la band è rimasta. Cancellare i Vulfpeck avrebbe creato il solito martire e Spotify vuole a tutti i costi mantenere un’aura da buon mecenate.

La reazione dei Vulfpeck non è stata disordinata, ma ferma.

Stratton ha risposto caricando la sua dichiarazione sullo stesso Spotify, registrandola all’interno di un ulteriore finto album intitolato “Official Statement”.

 

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Tutela Diritto D'Autore, Diritto Cinematografico e Diritto della Musica. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

🎓 sono l'Avvocato dei creativi: li aiuto a lavorare liberamente sentendosi protetti dalla legge

Site Footer