Costi di un film: Above e Below the line

Costi di un film

Guardando al film in termini di processo, i costi di produzione possono essere distinti in costi di pre-produzione, di produzione in senso stretto (le riprese del film) e di post produzione.

Questi costi confluiscono nel budget di produzione, che è composto da 3 tipologie di costo principale:

  • spese di produzione “sopra la linea”;
  • spese di produzione “sotto la linea”;
  • spese generali e imprevisti;
  • producer fee,

La prima categoria di costo comprende sostanzialmente i costi “artistici”: regia, cast, sceneggiatura; la seconda comprende i costi “tecnici” (costumi, scenografia, elettricisti, macchinisti, etc.) e la terza, calcolata come percentuale della somma dei primi due, comprende delle voci valutate forfetariamente.

In particolare si intendono:

  • spese di produzione “sopra la linea”: spese inerenti al soggetto e alla sceneggiatura (comprensive dei costi per l’acquisto dei diritti), alla direzione ed agli attori principali; 
  • spese di produzione “sotto la linea”: spese risultanti dalla differenza tra il costo complessivo di produzione, le spese di produzione “sopra la linea”, le spese generali e la producer fee;

Questo modello di budget è pressochè identico in tutto il mondo ed è assunto come base di calcolo (includendo o escludendo determinate voci, oppure assegnando un tetto ad alcune di esse) dalle varie amministrazioni pubbliche per la concessione di determinati benefici.

Per il produttore il sistema italiano non regge gli attuali compensi degli artisti e le rigidità dei contratti di lavoro delle troupe.

«In Italia i costi dei film, anche se sono più bassi che in Francia, non sono più sostenibili: con l’aiuto di tutti, artisti e lavoratori, bisogna pensare a sistemi di produzione più economici».

Lo ha spiegato Angelo Barbagallo, presidente della sezione produttori Anica durante un incontro con il pubblico dedicato al mestiere del produttore.

«Sono sproporzionati – ha proseguito Barbagallo – i compensi “sopra la linea”, di registi, sceneggiatori e attori, ma anche quelli “sotto la linea”, per rigidità sindacali e dei contratti di lavoro per orari e composizione della troupe. E poi produrre in pellicola ormai non ha più senso: è necessario passare definitivamente al digitale che permette un risparmio su tempi e costi».

I costi “Above the line” e “Below the line” in comunicazione

La linea cui si fa riferimento è quella che, nel conto economico di un’azienda, suddivide le spese e i ricavi operativi dalle voci secondarie, come le spese minori non preventivate.

Sopra la linea si trovano quindi le attività di comunicazione con un budget importante definito a priori. Sotto la linea, le attività di comunicazione impreviste, di scarsa entità o che non richiedono un’eccessiva pianificazione. Questo nella teoria, anche se nella prassi le sigle ATL e BTL sono arrivate a identificare concetti, strumenti e attività più specifiche.

ATL – Above the line

Sono considerate ATL tutte le attività di comunicazione pubblicitaria che utilizzano Televisione, Radio, Cinema, Affissioni, Quotidiani e Periodici. Per semplificare, è possibile classificare come above the line tutta la comunicazione pubblicitaria tradizionale, che sfrutta i media classici.

BTL – Below the line

È BTL tutta la comunicazione non prettamente pubblicitaria, ovvero quella che non prevede uno spazio pubblicitario pagato in base al tempo di esposizione e alle visualizzazioni potenziali, quindi le Relazioni Pubbliche, il Direct Marketing (su questo ci vorrebbe un’altra pillola di Parla come Marketing, arriverà), le Sponsorizzazioni, le Promozioni e le attività di stimolo al passaparola in genere.

È normale classificare come below the line le attività meno convenzionali, come il guerriglia marketing, i flash mob e il social media marketing. E qui casca l’asino.

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Tutela Diritto d'Autore e Copyright e Diritto cinematografico. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Claudia è un avvocato di diritto d'autore, dei media e dell’entertainment. Rappresenta autori, musicisti e produttori cinematografici indipendenti.

Site Footer