Il budget di un film

il budget di un film

Se sei un produttore indipendente, la chiave è individuare gli elementi cardine del film e costruire il budget intorno a tali elementi.

La storia ruota intorno ad una particolare location? Oppure un membro del cast è essenziale per ottenere un finanziamento? O invece il film ruota intorno ad un effetto speciale?Allora quell’elemento deve essere identificato ed i suoi costi ben determinati.

Quel che resta sarà la parte residua del budget su cui dovranno essere calcolati gli altri costi in modo da mantenere la produzione in armonia con l’elemento caratterizzante il film e la storia.

Budget di un film: perché è importante?

Il budget di un film, anche se non è la parte più creativa, se ben curato è il punto di partenza per la produzione dell’intero progetto. Il budget deve essere creato e sviluppato in modo da essere coerente con ogni spesa, sia che il film costi 2.000 o 200.000.000 euro.

budget di un film

A cosa serve il budget?

Il budget serve per verificare la proporzionalità dei costi. Da questa verifica, ci si può fare un’idea del tipo di film che stiamo producendo. Se, per esempio, i costi per i tecnici e per il cast fossero molto alti, probabilmente non staremo parlando di un film home-made, ma di una produzione con effetti speciali particolarmente curati.

Fattori che influenzano i costi

Ci sono dei fattori che influenzano i costi di un film. Il budget sarà diverso a seconda, per esempio, della scelta delle location, delle dimensioni e dell’importanza del cast, degli effetti speciali e delle spese per la post produzione.

Cosa deve contenere?

Il budget del film è composto da un riepilogo (summary page), anche detto top sheet e una serie di caselle ognuna contenente una spesa. Anche se un film supera i 200 milioni di euro di budget, va preventivata ogni spesa seppur minima.

I dettagli

Occorre stare attenti ai dettagli durante tutto il corso della produzione e verificare le spese effettive con il budget preventivato per calcolare con precisione se le spese effettive siano in linea con quelle preventivate e per fare quegli aggiustamenti necessari affinché il film sia in tempo sia nello sviluppo che rientri nelle spese previste.

Budget del film

Assicurazioni

Oltre ai costi associati al processo meccanico di produzione di un film, alcune spese fanno parte del rischio che si prende chi realizza un’opera cinematografica. Di solito e con poche eccezioni, le società di produzioni devono sottoscrivere delle assicurazioni tra cui quelle per chi lavora nel film (workers’ compensation insurance, cast insurance) e quelle che assicurano il film stesso e le attrezzature utilizzate (liability insurance on the negative and videotape, sets, equipment e property). A volte sono previste assicurazioni anche sui diritti d’autore della sceneggiatura o sulla storia, nel caso in cui ci possano essere cause per violazione dei diritti di immagine o di copyright (errors & omissions insurance). Il budget deve ovviamente tenere presente tutti i costi per queste assicurazioni che, di solito, sono il 10% del budget totale.

Deferrals e Contingent Fees

Le Royalties, i profitti e i residui non fanno parte del budget del film. Nel cinema indipendente, i compensi differiti (c.d. deferred compensation), ovvero quelli che sono stati procrastinati e verranno pagati in ritardo, sono calcolati come uscite e quindi inseriti nei costi di distribuzione del film.

Costi di un film

Guardando al film in termini di processo, i costi di produzione possono essere distinti in costi di pre-produzione, di produzione in senso stretto (le riprese del film) e di post produzione.

Questi costi confluiscono nel budget di produzione, che è composto da 3 tipologie di costo principale:

  • spese di produzione “sopra la linea”;
  • spese di produzione “sotto la linea”;
  • spese generali e imprevisti;
  • producer fee,

Il budget di un film

Le spese

Le spese che determinano il budget di un film sono suddivise in costi “sopra la linea” (“above the line”) e “sotto la linea” (“below the line”).

La prima categoria di costo comprende sostanzialmente i costi “artistici”: regia, cast, sceneggiatura; la seconda comprende i costi “tecnici” (costumi, scenografia, elettricisti, macchinisti, etc.).

In particolare si intendono:

  • spese di produzione “sopra la linea”: spese inerenti al soggetto e alla sceneggiatura (comprensive dei costi per l’acquisto dei diritti), alla direzione ed agli attori principali; 
  • spese di produzione “sotto la linea”: spese risultanti dalla differenza tra il costo complessivo di produzione, le spese di produzione “sopra la linea”, le spese generali e la producer fee;

Questo modello di budget è pressochè identico in tutto il mondo ed è assunto come base di calcolo (includendo o escludendo determinate voci, oppure assegnando un tetto ad alcune di esse) dalle varie amministrazioni pubbliche per la concessione di determinati benefici.

I costi “Above the line” e “Below the line” 

La linea cui si fa riferimento è quella che, nel conto economico di un’azienda, suddivide le spese e i ricavi operativi dalle voci secondarie, come le spese minori non preventivate.

Sopra la linea si trovano quindi le attività di comunicazione con un budget importante definito a priori. Sotto la linea, le attività di comunicazione impreviste, di scarsa entità o che non richiedono un’eccessiva pianificazione. Questo nella teoria, anche se nella prassi le sigle ATL e BTL sono arrivate a identificare concetti, strumenti e attività più specifiche.

Sopra la linea

Le spese “sopra la linea” sono quelle che determinano i costi e che possono far variare il budget; sono quelle spese inerenti al soggetto e alla sceneggiatura (comprensive dei costi per l’acquisto dei diritti), alla regia ed agli attori principali. Nel mondo delle produzioni a basso budget, questi costi sono negoziati in anticipo e rimangono fissi. Il regista di solito, ha un accordo simile in quanto a compenso ai membri dello staff.

ATL – Above the line

Sono considerate ATL tutte le attività di comunicazione pubblicitaria che utilizzano Televisione, Radio, Cinema, Affissioni, Quotidiani e Periodici. Per semplificare, è possibile classificare come above the line tutta la comunicazione pubblicitaria tradizionale, che sfrutta i media classici.

Sotto la linea

Il cast, le location, il set, i costumi, i permessi, il noleggio delle attrezzature, e le altre spese sono indicate come “sotto la linea”. Le spese di produzione “sotto la linea” sono quelle spese risultanti dalla differenza tra il costo complessivo di produzione, le spese di produzione “sopra la linea”, le spese generali e la producer fee. Tali costi sono solitamente stabiliti in anticipo e non dovrebbero variare nel corso della produzione. Il costo di un permesso, per esempio, è sempre uguale a prescindere dalla produzione e dalla notorietà del cast. Nel budget dovranno essere ovviamente inserite anche le spese di post-produzione compreso il montaggio, il suono, gli effetti speciali e i titoli.

BTL – Below the line

È BTL tutta la comunicazione non prettamente pubblicitaria, ovvero quella che non prevede uno spazio pubblicitario pagato in base al tempo di esposizione e alle visualizzazioni potenziali, quindi le Relazioni Pubbliche, il Direct Marketing (su questo ci vorrebbe un’altra pillola di Parla come Marketing, arriverà), le Sponsorizzazioni, le Promozioni e le attività di stimolo al passaparola in genere.

È normale classificare come below the line le attività meno convenzionali, come il guerriglia marketing, i flash mob e il social media marketing. E qui casca l’asino.

budget di un film

Finalità e utilità del budget

Il processo di budgeting ha una serie di importanti scopi interni ed esterni. Esso definisce il quadro di riferimento per tutte le decisioni che riguardano il ​​film. Ad esempio, se un film indipendente viene realizzato a basso budget, alcuni elementi dovranno essere calcolati come spese il più possibile vicino allo zero. Il film sarà girato in una sola location o diverse location potranno essere utilizzate per girare più scene. Questo perché un film a basso budget non potrà prevedere spese per gli spostamenti in più location. I film di fantascienza, per esempio, sono diventati cosi ricchi di effetti speciali che film a basso budget di questo genere quasi non esistono.

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Diritto Cinematografico. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

🎓 sono l'Avvocato dei creativi: li aiuto a lavorare liberamente sentendosi protetti dalla legge

Site Footer