Diritto di immagine delle persone non famose: come proteggerlo?

diritto di immagine delle persone non famose

Diritto di immagine delle persone non famose

Il diritto di immagine delle persone non famose è regolato dal principio del consenso. Secondo tale principio nessuno può pubblicare l’immagine altrui senza il consenso della persona ritratta.

A) La violazione del diritto di immagine.

Il principio generale è che la divulgazione dell’immagine debba essere autorizzata dal soggetto ivi rappresentato.

Il diritto all’’immagine è stato espressamente tutelato dalla legge sul diritto d’autore (RD n. 633 del 1941) che ha subordinato la liceità dell’’uso dell’’immagine di una persona alla prestazione del consenso da parte della stessa.

La medesima normativa  ha stabilito delle ipotesi in cui la pubblicazione dell’’immagine può essere legittima, pur in assenza del consenso del soggetto interessato, in presenza di determinate finalità di stampo pubblicistico.

Dette finalità sono state espressamente individuate e consistono in:

  • scopi di giustizia,
  • in scopi scientifici, didattici, culturali oppure
  • in casi in cui l’immagine ritragga personaggi pubblici oppure
  • personaggi non noti che, tuttavia, partecipano  ad avvenimenti o cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.

La pubblicazione dell’’immagine è, in ogni caso, vietata qualora essa possa recare pregiudizio all’’onore, alla reputazione o anche al decoro della persona ritratta.

La valutazione circa la sussistenza, o meno, di un pregiudizio all’’onore, alla reputazione o al decoro della persona derivante dall’’uso dell’’immagine viene normalmente compiuta dal giudice investito della controversia.

In conclusione, materia di tutela dell’immagine c’è violazione della legge quando:

  • venga pubblicata la foto di un individuo a sua insaputa;
  • si tratti di una persona non nota;
  • non ci sia il suo consenso ed la persona sia ritratta in un luogo non pubblico.

B) Le deroghe.

Le deroghe al principio del consenso, consistono nel fatto che la riproduzione sia giustificata:

  • dalla notorietà o dall’ufficio pubblico ricoperto dal soggetto fotografato o
  • da ragioni di giustizia, di polizia e da scopi didattici, culturali scientifici o
  • infine perché collegata a fatti o avvenimenti di interesse pubblico.

Trovano applicazione solo quando si accerti che la pubblicazione risponde ad uno specifico interesse pubblico all’informazione, prevalente rispetto alla tutela
esclusiva dell’immagine.

Basandosi su questi elementi, ad esempio, il Tribunale di Napoli ha respinto le richieste risarcitorie avanzate da una cubista che aveva visto divulgare la propria immagine su un giornale in occasione della pubblicazione di un articolo sulle discoteche. (Non lede il diritto all’immagine la pubblicazione di una fotografia ripresa in un luogo pubblico (nel caso di specie “cubista” in una discoteca) pubblicata all’interno di un servizio giornalistico sulla vita dei locali notturni.)

Nella risoluzione della fattispecie concreta, il Giudice partenopeo ha avuto modo di osservare come il pregiudizio all’’onore ed alla reputazione debba essere valutato in concreto.

Conseguentemente nessuna lesione dell’’onore o della reputazione della cubista poteva essere ravvisata posto che la stessa aveva scelto di esporsi agli sguardi ed all’’ammirazione del pubblico in discoteca.

C) Casistica.

Il caso riguardava una persona non famosa, non nota, che non ricopriva alcuna funzione particolare, cui era stata scattata una fotografia. La stessa fotografia era stata riutilizzata dalla stampa a corredo di un articolo, in occasione di uno sciopero degli autobus. La foto, però, era di repertorio, ovvero scattata in precedenza e non in occasione di alcun evento pubblico.

Per questo motivo, non sussistendo i presupposti per l’applicazione dell’art 97 della legge sul diritto d’autore, la pubblicazione della foto è stata considerata indebita e sono stati riconosciuti  i danni patiti a seguito di tale pubblicazione, avvenuta senza il consenso della persona ritratta. (App. Napoli Sez. I, 16/03/2010 – Lu.An. c. Ed.Me. s.r.l. e altri).

La giurisprudenza, infatti, ha negato la tutelabilità dell’immagine in caso, ad esempio: di partecipazione a trasmissioni televisive, salvo che sia stato espressamente negato il consenso alla trasmissione del’l’immagine. I giudici di merito hanno ritenuto di poter ravvisare in dette circostanze una sorta di consenso implicito.

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Copyright e tutela del Diritto d'Autore, Produzione cinematografica e audiovisiva e Diritto Televisivo. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Claudia è un avvocato che si occupa di diritto d'autore, dei media e dell’entertainment. Rappresenta autori, sceneggiatori, registi, produttori cinematografici e televisivi indipendenti, musicisti e fotografi.

Site Footer