Spezzoni di film o di serie tv: si possono usare in un video da postare online?

Spezzoni di filmSpezzoni di film

Il caso

Capita spesso online di vedere video contenenti spezzoni di film o serie tv. I video in questione hanno scopo didattico-scientifico e non è prevista la monetizzazione. L’idea è insegnare o spiegare una materia attraverso video contenenti spezzoni di film o serie tv. E’ evidente che nessuno vedrà il video al posto del film o del telefilm, ma chiaramente il rimando sarà al sito e ai recapiti che promuovono il lavoro di chi ha assemblato le immagini e creato il video.

Si possono usare brevi spezzoni di film o di serie tv durante un video per poi postarlo?

Sia che utilizzi uno spezzone video o audio è consigliato aver richiesto (ed ottenuto) il permesso dal detentore del copyright, altrimenti c’è sempre il rischio che il video in cui includi lo spezzone di un film venga bloccato per violazione del copyright.

In America

Negli Stati Uniti, nel caso come quello descritto, interviene la dottrina del fair use che consiste nel provare che l’uso degli spezzoni, anche senza autorizzazione del titolare del copyright, è comunque consentito e legittimo.

Spezzoni di film

In Italia,

L’unica norma assimilabile al fair use è l’articolo 70 della legge 633 del 1941, ma di essa la giurisprudenza dà un’interpretazione restrittiva. Con tale norma il legislatore ha inteso tutelare l’uso didattico, scientifico e di libera manifestazione del pensiero, in quanto ritenuti rilevanti al fine di diffusione della cultura, in considerazione del fatto che generalmente tali usi non entrano in concorrenza con il legittimo sfruttamento dell’opera da parte del titolare.

L’articolo in questione non riguarda specifiche categorie di opere, bensì si rivolge genericamente a tutte le opere, o più esattamente a brani o parti di esse.

Riassumendo i limiti imposti dall’articolo 70 sono tre:

  • è necessario che l’opera sia utilizzata non nella sua interezza, ma solo per parti, o brani;
  • devono sussistere gli elementi di critica, discussione, insegnamento o di ricerca scientifica;
  • l’utilizzo dell’opera non deve essere commerciale e non deve entrare in concorrenza con i diritti di sfruttamento del legittimo titolare.

Se usi un brano musicale in un tuo video, anche non commerciale, dovresti in teoria sempre chiedere l’autorizzazione all’autore.

Inoltre, dovresti pagare i diritti d’autore e di sincronizzazione.

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Copyright e tutela del Diritto d'Autore e Produzione cinematografica e audiovisiva. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Claudia è un avvocato che si occupa di diritto d'autore, dei media e dell’entertainment. Rappresenta autori, sceneggiatori, registi, produttori cinematografici e televisivi indipendenti, musicisti e fotografi.

Site Footer