I film pornografici sono protetti dalla legge sul diritto d’autore?

I film pornografici sono protetti dalla legge sul diritto d'autore?

I film pornografici sono protetti dalla legge sul diritto d’autore? 

Il noleggio non autorizzato di film pornografici è una violazione del diritto d’autore? Un sito internet può essere condannato per aver proposto, tra i film offerti in VOD, film pornografici che non era autorizzato ad utilizzare?

Al Tribunale di Lione (il TGI ) è stato chiesto di determinare quando e se un sito di affitto di video pornografici può aver violato la legge sul diritto d’autore per aver offerto, nel proprio catalogo, film di un certo regista senza autorizzazione.

Per vincere una causa di diritto d’autore la prima cosa che deve essere certa e provata è che l’opera, di cui si chiede la protezione, sia originale. I film pornografici sono un genere di film che possiedono questo requisito? Sono film originali e quindi tutelabili?

Il Fatto

Un sito web francese di VOD ha ritenuto di poter proporre, sulla propria piattaforma, film pornografici senza l’autorizzazione del produttore delle pellicole.

Per questo il 7 febbraio 2017, il TGI di Lione si è pronunciato sulla richiesta di condanna del sito Vodx.fr per contraffazione di marchio, violazione del diritto d’autore e concorrenza sleale per uso del nome John B. Root, pseudonimo del regista dei film.

La società di produzione dei film porno (“Le Dauphin Pirate”), ha scoperto che il sito Vodx.fr proponeva otto film sottratti dal suo catalogo, in VOD e senza alcuna autorizzazione. In risposta alla diffida inviata, il sito ha rimosso i film, sostenendo, però, di aver ottenuto il permesso ad utilizzarli dalla società del regista VMD (Marc Dorcel), con la quale aveva sottoscritto anche un accordo di partecipazione agli utili.

La società “Le Dauphin Pirate” ha vinto la causa per sette degli otto film in questione, non in merito alla violazione di diritto d’autore, che non è stata dichiarata, ma per uso illecito del marchio.

La Corte ha, prima respinto l’ipotesi per cui il contratto sarebbe stato sottoscritto con la VMD, atteso che quest’ultima non compariva in nessuno dei titoli dei film contestati. Infatti non è stato dimostrato che la VDM avesse mantenuto alcun diritto sui film.

Il sito si è poi difeso sostenendo che i film pornografici non sono protetti e tutelati dalla legge sul diritto d’autore.

La Corte ha risposto a questa eccezione ricordando che le opere pornografiche si “basano in gran parte su scene di fornicazione tra diversi individui (…) in vari luoghi e posizioni…Tuttavia, le scelte che stanno alla base dei film, dell’ideazione e della progettazione di tali opere, possono essere originali ed, in quanto tali, essere tutelate ai sensi del diritto d’autore.”

Il Tribunale ha sostenuto e dimostrato che anche i film pornografici possono essere caratterizzati dalla personalità dell’autore e del regista e, quindi, essere individualizzati e riconoscibili. Il regista, comunque, in questo caso, aveva ceduto i suoi diritti di sfruttamento e non poteva pretendere di far valere i suoi diritti d’autore sui film.

La causa, quindi, è stata decisa sulla base della contraffazione dei marchi.

Il regista infatti, aveva registrato il suo nome d’arte come marchio per servizi di “noleggio di film.”

“Le Dauphin Pirate”  è stata risarcita sulla base della concorrenza sleale, a causa dell’uso non autorizzato del segno (il nome del regista) dato in licenza alla società per tre anni.

Secondo il giudice, la riproduzione del marchio ha generato confusione nel consumatore che è stato tratto in inganno credendo che il sito fosse autorizzato a trasmettere i film pornografici di quel regista.

Leggi la decisione.

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Diritto d'Autore e Copyright e Diritto cinematografico. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Claudia è un avvocato di diritto d'autore, dei media e dell’entertainment. Rappresenta autori, musicisti e produttori cinematografici indipendenti.

Site Footer