Diritto alla immagine professionale

Diritto alla immagine professionale

Diritto alla immagine professionale

Il diritto alla immagine professionale non va confuso con il diritto all’immagine intesa come ritratto – tutelato dall’art. 10. Essa consiste  nella reputazione personale ed è volta a tutelare la valutazione che la comunità sociale dà di un soggetto in un determinato contesto.

Secondo la giurisprudenza il diritto all’immagine professionale e commerciale rientra tra i diritti fondamentali della persona umana garantiti dalla Costituzione.

Esso viene riconosciuto anche in capo alle persone giuridiche e agli enti collettivi, e la sua lesione può dar luogo al risarcimento dei danni sia patrimoniali che non patrimoniali.

Ad ogni modo questa seconda tipologia di diritti, sebbene venga comunemente indicata con l’espressione “diritto all’immagine“, non ha nulla a che vedere con i diritti relativi al ritratto.

Peraltro, si è affermato che è fondata la domanda risarcitoria avanzata dai genitori, esercenti la patria potestà sulla loro figlia minore, al fine di ottenere il risarcimento dei danni derivanti dall’esposizione dell’immagine di quest’ultima in una fotografia esposta nella vetrina di un negozio.

In base al disposto degli artt. 10 e 96 e 97, L. n. 633 del 1941, difatti, la pubblicazione dell’immagine di una persona è abusiva:

  • quando avvenga senza il consenso della medesima;
  • quando non sussistano le altre circostanze, espressamente previste dalla legge, idonee ad escludere la tutela del diritto alla riservatezza come, ad esempio, la notorietà dei soggetti esposti o la carica pubblica ricoperta.

Il diritto all’immagine deve identificarsi nel diritto della personalità. Tale diritto consiste nel divieto di divulgare, esporre o pubblicare la propria immagine senza il necessario consenso.

La possibilità di prescindervi sussiste nei soli casi in cui:

  • siano emergenti motivi di notorietà del personaggio ritratto, oppure
  • necessità di giustizia, polizia, scopi scientifici, didattici o culturali, ovvero
  • quando la riproduzione sia collegata a fatti o avvenimenti di interesse pubblico o svoltosi in pubblico.

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Copyright e tutela del Diritto d'Autore, Produzione cinematografica e audiovisiva e Diritto Televisivo. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Claudia è un avvocato che si occupa di diritto d'autore, dei media e dell’entertainment. Rappresenta autori, sceneggiatori, registi, produttori cinematografici e televisivi indipendenti, musicisti e fotografi.

Site Footer