Diritto di immagine: come si calcola il danno?

Diritto di immagine e calcolo del danno

Diritto di immagine e calcolo del danno

Il danno non patrimoniale

Utilizzare un’immagine senza il consenso del titolare (il c.d abuso dell’immagine altrui), obbliga prima di tutto colui che ha commesso il fatto al risarcimento del danno non patrimoniale. Il danno patrimoniale, che deriva dalla divulgazione illegittima dell’immagine, viene molto di rado liquidato e c’è tutte le volte che si sfrutta l’immagine altrui a fini pubblicitari. Tale danno è più facile calcolare nel caso di sfruttamento dell’immagine di una persona nota che di una non famosa.

Nell’ipotesi di sfruttamento dell’immagine di una persona a scopo di lucro dell’immagine altrui, è possibile ravvisare:

  • un danno emergente: consistente nella diminuzione del valore commerciale dell’immagine dovuto alla pubblicazione della medesima (c.d. danno da “annacquamento”);
  • ma anche un lucro cessante: inteso come mancata remunerazione che la persona nota avrebbe potuto ottenere sfruttando la propria immagine in casi simili (c.d. “prezzo del consenso alla pubblicazione”).

Al contrario, il danno conseguente allo sfruttamento abusivo dell’immagine di una persona sprovvista di notorietà, trattandosi di un caso di lesione di diritti inviolabili della persona costituzionalmente garantiti, viene ricondotto nell’alveo del danno non patrimoniale.

L’illecita pubblicazione dell’immagine altrui obbliga talvolta anche al risarcimento dei danni patrimoniali. Questi consistono nel pregiudizio economico di cui la persona danneggiata abbia risentito per effetto della pubblicazione e di cui abbia fornito la prova. Se non possano essere dimostrate specifiche voci di danno, la parte lesa potrà far valere il diritto al pagamento di una somma corrispondente al compenso che avrebbe presumibilmente richiesto la persona illecitamente ritratta per concedere il suo consenso alla pubblicazione. Si giunge così ad ammettere la quantificazione dell’importo in via equitativa.

Il risarcimento del danno non patrimoniale

Il risarcimento di un danno non patrimoniale è stato riconosciuto anche in favore della persona celebre ove l’immagine di un suo sosia sia stata pubblicata in atteggiamenti tali da ledere la sua reputazione. Va segnalato che parte della dottrina era già arrivata a proporre la risarcibilità del danno non patrimoniale attraverso un percorso logico differente.

Secondo alcuni autori, infatti, dal momento che la legge (art. 10 del codice civile) prevede espressamente la cessazione dell’abuso “salvo il risarcimento dei danni”, questa ipotesi di tutela risarcitoria costituirebbe uno dei “casi previsti dalla legge” che giustificherebbero anche il risarcimento dei danni non patrimoniali. Viene infatti sottolineato che, se si interpretasse tale inciso restrittivamente nel senso di un risarcimento del solo danno patrimoniale, non vi sarebbe stato bisogno della precisazione. La prova del danno patrimoniale sofferto dal soggetto leso deve riguardare sia il profilo del danno emergente che quello del lucro cessante.

Diritto di immagine e calcolo del danno

Il danno deve essere provato nella sussistenza e, per quanto possibile, nell’ammontare. Nel caso di lesione del diritto all’immagine, la quantificazione del danno patrimoniale risarcibile risulta tutt’altro che agevole. La giurisprudenza più recente utilizza i criteri che si trovano ora enunciati nell’art. 128 della legge sul diritto di autore. Sulla base di questi principi, il risarcimento del danno patrimoniale deve essere commisurato alla somma che il soggetto leso avrebbe potuto conseguire. Questa ipotesi riguarda la negoziazione dei diritti e la perdita del compenso che il soggetto avrebbe potuto conseguire. La liquidazione va compiuta in via equitativa anche tenuto conto degli utili realizzati in violazione del diritto.

Ti è piaciuto questo articolo? Sei soddisfatto delle informazioni che hai ricevuto?

Se lo sei:

  • lascia il tuo commento al nostro blog e ai servizi DANDI QUI oppure
  • diventa Patron e contribuisci al nostro blog https://www.patreon.com/claudiaroggero, con soli  4 $ al mese sostieni tutte le nostre attività online. Con Patreon potrai anche avere accesso a tutti gli articoli, usufruire della consulenza, dei documenti e delle liberatorie già scaricate e che saranno postate mensilmente. Puoi diventare Patron Creatore del nostro blog ed avere accesso, oltre che alle liberatorie, a tutti i contenuti del Blog di DANDI.

Se diventi Creatore, con un contributo mensile di 8 $:

  1. sostieni DANDI e tutti i contenuti gratuiti già online;
  2. hai la priorità e puoi scaricare i contenuti (comprese le liberatorie e i template dei contratti) postati mensilmente su Patreon (TAG liberatoria);
  3. potrai creare il tuo logo DANDI e metterlo in vendita con i nostri gadget nel nostro negozio online. Per diventare Patron e scaricare la liberatoria ed avere accesso a tutti gli altri contenuti,  CLICCA QUI.

Se ti è piaciuto l’articolo, dona il tuo like con TinabaLike e 1 centesimo per aiutarci a scrivere e tenere aggiornato DANDI.

Like me!

liberatoria dei diritti di immagine

Per parlare con me del tuo caso prenota il tuo PRONTO INTERVENTO.

avvocato claudia roggero

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Copyright e Diritto d'Autore. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Claudia è un avvocato di diritto d'autore, dei media e dell’entertainment. Rappresenta autori, musicisti e produttori cinematografici indipendenti.

Site Footer