Violazione diritto d’autore

Per approfondire l’argomento della violazione diritto d’autore, dobbiamo anzitutto ricordare che:

  • ci sono delle differenze quando si parla di violazione dei diritti d’autore in Italia e la violazione copyright in genere.
  • il diritto d‚Äôautore in Italia √® disciplinato dalla Legge n. 633 del 22 aprile 1941, in materia di Protezione del diritto d‚Äôautore e di altri diritti connessi al suo esercizio, ma anche dall‚Äôarticolo 2577 c.c., rubricato Contenuto del diritto che¬† prevede che:

L‚Äėautore ha il diritto esclusivo di pubblicare l‚Äôopera e di utilizzarla economicamente in ogni forma e modo, nei limiti e per gli effetti fissati dalla legge.

L’autore, anche dopo la cessione dei diritti previsti dal comma precedente, può rivendicare la paternità dell’opera e può opporsi a qualsiasi deformazione, mutilazione o altra modificazione dell’opera stessa, che possa essere di pregiudizio al suo onore o alla sua reputazione

Violazione del diritto d’autore

I diritti che nascono dalla creazione di un’opera hanno una duplice natura. Infatti, ogni¬†opera dell’ingegno d√† vita a 2 tipi di diritti: i diritti morali¬†e¬†diritti patrimoniali. Parliamo dei paesi di civil law perch√© nei paesi di common law si parla solo di violazione copyright e nei paesi regolati dal common law non esistono i diritti morali d’autore. Ma torniamo all’Italia.

In caso di violazione di diritto d’autore, le conseguenze della violazione dipendono dalla natura del diritto che √® stato leso.

Violazione dei diritti d’autore: conseguenze alla violazione dei diritti patrimoniali

Le conseguenze della violazione dei diritti patrimoniali sono diverse a seconda si tratti di illecito civile, amministrativo o di un reato doloso o colposo.

Illecito civile (artt. 158-167 l.d.a.)

√ą possibile tutelare l’opera¬†in modo inibitorio e risarcitorio. La tutela √® diversa a seconda che la¬† violazione sia presunta e da accertare o gi√† avvenuta. Si pu√≤ richiedere il ritiro dal mercato¬†e la¬†distruzione¬†dei beni oggetto di¬†plagio¬†o¬†contraffazione e un risarcimento regolato secondo i principi del danno emergente e del lucro cessante¬†(artt. 1223-6-7 c.c.)

Illecito amministrativo (art. 174 l.d.a.)

Per l‚Äôillecito amministrativo √® prevista una sanzione e, in alcuni casi, pu√≤ comportare una sospensione¬†dell’attivit√† professionale o commerciale da sei mesi a un anno (153 l.d.a.).

Reato (art. 171-171nonies l.d.a.)

L’articolo 171 l.d.a. individua i casi in cui la¬†violazione¬†dei¬†diritti patrimoniali¬†di sfruttamento economico √® di natura¬†penale¬†e, negli articoli successivi (171bis-nonies), stabilisce la conseguenza prevista che pu√≤ essere

  • di natura¬†pecuniaria¬†(multa),
  • la¬†sospensione dell’attivit√† commerciale e professionale e
  • nei casi pi√Ļ gravi la reclusione.

Violazione diritto d’autore e violazione dei diritti morali

I diritti morali d’autore trovano fondamento nell’art. 2 della Costituzione nonch√© nell’art. 27 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 10.12.1948. Sono strettamente legati alla persona dell’autore e vengono normalmente inquadrati tra i diritti della personalit√†; la loro specifica disciplina, contenuta negli artt. 20-24 e 142 della L. n. 633 del 1941 e dall’art. 2582 c.c., √® diretta a tutelare sia interessi di natura patrimoniale che non patrimoniale.

Tra gli interessi patrimoniali discendenti dai diritti morali vanno considerati, come affermato dalla dottrina,

  • l’interesse a godere dalla gamma di vantaggi sociali ed economici che discendono dalla notoriet√† di creativo intellettuale;
  • quello a fruire dei vantaggi economici derivanti dall’essere indicato al pubblico quale autore;
  • quello a monetizzare l’indicazione di paternit√† offrendo di riferirla a chi sia disposto a pagare un compenso.

Tra gli interessi morali rientra in particolare quello ad acquisire e a conservare la reputazione derivante dalla corretta comunicazione agli altri delle proprie opere.

I diritti morali sono per loro natura imprescrittibili, irrinunciabili, inalienabili (l’eventuale cessione dei diritti di sfruttamento economico dell’opera da parte dell’autore a terzi non pregiudica il diritto morale, che rimane inalterato) e autonomi, nel senso di indipendenti dai diritti di sfruttamento economico.

Tra di essi va incluso innanzi tutto il diritto al riconoscimento della paternit√† dell’opera (art. 20 L. n. 633 del 1941), che si estrinseca:

  • nella facolt√† di essere pubblicamente indicato e riconosciuto come autore dell’opera,
  • nella facolt√† di rivelarsi e di far riconoscere in giudizio la sua qualit√† di autore (art. 21.1 L. n. 633 del 1941),
  • nella facolt√† di rivendicare la paternit√† dell’opera e di opporsi a qualsiasi deformazione, mutilazione od altra modificazione, d) nella facolt√† di disconoscere la paternit√† di un’opera.

Vi √® inoltre il diritto all’integrit√† dell’opera (art. 20 L. n. 633 del 1941), che consiste nel diritto dell’autore ad essere giudicato dal pubblico per l’opera cos√¨ come egli l’ha concepita e a conservare la reputazione che deriva dalla corretta conoscenza dell’opera, e conseguentemente ad opporsi non solo alle mutilazioni, deformazioni o altre modifiche dell’opera ma anche a qualsiasi modalit√† di comunicazione dell’opera che ne falsi la percezione e quindi il giudizio da parte del pubblico; nell’opera, infatti, si oggettiva e si realizza la personalit√† dell’autore, sicch√© il suo uso distorto, oltre ad incidere negativamente sull’immagine del suo autore, pregiudica l’interesse della collettivit√† a una percezione corretta e veritiera di detta immagine (Tribunale Bologna 31/10/2014 [Diritto d’autore – Realizzazione di una scultura da cedersi a titolo gratuito – Violazione del diritto morale d’autore – Lesione del diritto all’integrit√† dell’opera – Risarcimento del danno])

Pur essendo inalienabili, i diritti morali di paternità, inedito, integrità possono essere utilizzati in modo improprio e sono classificati in base al grado di modifica del contenuto e del nome:

  • plagio: modifica di un’opera totale o parziale, tramite copia-incolla, modifiche e integrazione (es. cambiare i nomi di luoghi e personaggi di un romanzo) con attribuzione della paternit√†; in caso di plagio totale e “fedele” si parla di¬†usurpazione;
  • contraffazione: sfruttamento economico dell’opera, senza apportare modifiche n√© l’attribuzione della paternit√†. (es: vendere copie illecite di un CD musicale);
  • plagio-contraffazione: sfruttamento economico di un’opera nella sua integralit√† con¬†usurpazione¬†della paternit√†.

Conseguenze alla violazione dei diritti morali

Secondo l’articolo 168 l.d.a., la violazione¬†dei¬†diritti morali¬†comporta le stesse¬†conseguenze¬†dei¬†diritti patrimoniali e possono essere esercitati in modo disgiunto o congiunto.

Violazione dei diritti patrimoniali e violazione del diritto d’autore

I¬†diritti patrimoniali¬†di un’opera¬†regolano il suo¬†sfruttamento economico. In Italia sono validi sino a 70 anni dopo la morte dell’autore e riguardano la pubblicazione nelle varie forme, riproduzione, modifiche, trascrizioni e trasposizioni, esecuzioni, distribuzione ‚Äď anche via internet ‚Äď, pubblicit√† e tutte le attivit√† indicate negli articoli 12-18 l.d.a. in cambio di un equo compenso.

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Tutela Diritto D'Autore. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

ūüéď sono l'Avvocato dei creativi: li aiuto a lavorare liberamente sentendosi protetti dalla legge

Site Footer