Cosa rischia un artista producendo Appropriation art?

Uso di spezzoni di video nell’arte: è lecito oppure occorre il consenso della produzione cinematografica?

Cosa rischia un artista producendo Appropriation art? L’appropriation art è l’arte dell’appropriarsi di immagini altrui ed utilizzarle a fini artistici.

I rischi che si corrono quando si usa materiale coperto da copyright per fare arte è che l‘opera non sia considerata una forma di utilizzazione libera o che non sia dichiarata una forma di elaborazione creativa. In questo modo si incorre nella violazione di diritti economici e morali dell’artista dell’opera originale che è stata utilizzata e richiamata nel lavoro appropriativo. Ciò  comporta, nella migliore delle ipotesi, il solo risarcimento del danno. Nei casi più seri può portare anche alla distruzione dell’opera (un’ipotesi tragica per l’artista).

Christian Marclay – Christian Marclay ha realizzato “The Clock”.

Prima di questo artvideo ha prodotto “Telephone” (1995) e “Video Quartet” (2002), ma mentre “Telephone” durava 7 minuti e “Video Quartet” 14 minuti, “The Clock” è un montaggio di 24 ore di clips di film. “The Clock” inaugura alla fine del 2010 alla White Cube Gallery di Londra ed è per la prima volta esposto a New York alla Paula Cooper Gallery. Entrambe le gallerie hanno sostenuto finanziariamente il budget della produzione del video (più di 100.000 $).

Il budget tuttavia non ha coperto i costi per il pagamento dei diritti alle case di produzione cinematografica. Pare che l’artista si sia disinteressato di assolvere i diritti di Hollywood. In un’intervista a “The Economist” (2010), Marclay ha affermato che il lavoro tecnicamente potrebbe essere considerato “illegale”, ma anche che molti potrebbero considerarlo un “fair use”. In un’intervista a “The New Yorker”, Marclay ha esposto la sua idea di copyright: se fai qualcosa di buono e interessante senza ridicolizzare nessuno o essere offensivo, i creatori dei materiali originali non potranno che gradire il risultato finale

[“If you make something good and interesting and not ridiculing someone or being offensive, the creators of the original material will like it”].

Like me!

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Copyright e Diritto d'Autore e Diritto cinematografico. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Claudia è un avvocato di diritto d'autore, dei media e dell’entertainment. Rappresenta autori, musicisti e produttori cinematografici indipendenti.

Site Footer