Registrare un marchio in Italia o in Europa?

Seppure non sia obbligatorio registrare un marchio, i vantaggi che puoi ottenere dalla registrazione sono numerosi. La registrazione del marchio garantisce una protezione efficace contro la copia, l’imitazione, l’usurpazione e la contraffazione.

Il marchio deve essere registrato nei territori nei quali ti interessa vendere il tuo prodotto o servizio. Quindi, prima di registrare, devi avere ben chiaro che prodotto o servizio stai per realizzare e quale sarà il territorio nel quale vorrai venderlo.

In questo articolo ti parlerò della registrazione del marchio in Italia e in Europa e di come registrare un marchio in Italia o in Europa.

Registrare marchio Italia

Se stai pensando di registrare il tuo marchio in Italia è perché credi che in Italia venderai il tuo prodotto o servizio. Infatti la sfera di tutela del marchio cambia a seconda del tipo di deposito.

Per il deposito di un marchio nazionale, la tutela si ha solo per il territorio italiano. La domanda di registrazione di un marchio nazionale deve essere presentata all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi con sede a Roma (UIBM).

Il marchio va registrato seguendo la classificazione di Nizza per i prodotti o servizi che vuoi tutelare. Quando registri dovrai quindi indicare, nei documenti e nelle pubblicazioni ufficiali, il numero delle classi della classificazione alle quali appartengono i prodotti e i servizi per i quali i marchi sono registrati.

I prodotti/servizi indicati nella domanda di registrazione del marchio sono gli unici per i quali è concessa la protezione. Per estendere la portata della protezione non basta una semplice “integrazione”, ma è necessario depositare una nuova domanda di registrazione che raffiguri il marchio depositato, indicando però le nuove classi di prodotti/servizi per cui sarà utilizzato.

Dopo aver registrato stai attento:

  • a rinnovare il marchio alla scadenza dei 10 anni

Nei 12 mesi che precedono la scadenza, è necessario, a pena di decadenza, rinnovare il proprio marchio pagando la apposite imposte presso l’UIBM in cui il marchio è stato registrato.

  • a monitorare sull’uso o sul deposito del proprio marchio da parte di terzi non autorizzati

Nel periodo di validità del marchio è necessario monitorare tempestivamente l’eventuale uso/registrazione di marchi in potenziale conflitto con il proprio, per intraprendere, all’occorrenza, iniziative di difesa del proprio.

  • all’uso illecito del proprio marchio da parte di altri soggetti

È necessario che il marchio sia utilizzato lecitamente; l’utilizzo è lecito quando non induce il pubblico in errore in relazione alla natura, alla qualità o all’origine geografica dei prodotti o servizi che contraddistingue.

Come registrare un marchio in Europa

registrare un marchioSe hai un nuovo prodotto o servizio che vuoi produrre e commercializzare in Europa, puoi procedere con la registrazione di un marchio e farlo valere per tutti i paesi che fanno parte dell’unione.

Di seguito le informazioni più aggiornate su come si registra un marchio europeo e con quali costi.

La registrazione del marchio nell’Unione europea è registrato presso l’EUIPO (Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale) con sede ad Alicante (Spagna).

È valido in tutto il territorio dell’Unione europea. È impossibile limitare la portata geografica della tutela solo ad alcuni Stati membri. Sul sito della EUIPO è tutto ben scritto. Ecco il link https://euipo.europa.eu/ohimportal/it/trade-marks.

Le spese vive da corrispondere all’ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale (EUIPO), da versare entro 30 giorni dal deposito della domanda, in caso di registrazione a livello comunitario ammontano a € 850,00 per una classe.

La spesa aggiuntiva per l’eventuale seconda classe è di € 50,00 mentre per ogni classe a partire dalla terza il costo è di € 150,00.

Registrare marchio: i requisiti

Anche il marchio dell’Unione europea deve rispondere a determinati requisiti, che dovranno risultare tali in tutti i Paesi dell’Unione Europea e in tutte le relative lingue ufficiali, quali

Cosa può essere registrato come come marchio dell’Unione Europea?

Uno dei principi cardine del diritto dei marchi è che, per essere registrati, devono poter essere “riprodotti graficamente.”  I segni possono essere rappresentati in qualsiasi forma idonea utilizzando la tecnologia generalmente disponibile. La rappresentazione deve essere chiara, precisa, autonoma, facilmente accessibile, intellegibile, durevole e obiettiva.

  • Il marchio deve essere distintivo. I consumatori devono essere in grado di riconoscere il tuo segno per ciò che è, ad esempio un’indicazione d’origine. Il tuo marchio dovrebbe distinguerti dalle altre aziende presenti sul mercato in modo che tu possa proteggere e dare forma all’identità e al valore della tua marca.
  • Il marchio non deve descrivere ciò che vendi. Il marchio non deve monopolizzare un segno che descrive meramente i prodotti e/o i servizi che offri. Segni di questo genere devono restare a disposizione di tutti: tua e della concorrenza. L’EUIPO respingerà la tua domanda di marchio se ritiene che non soddisfi i requisiti richiesti.

Come registrare un marchio: iter semplificato

Per depositare un marchio il sistema prevede un iter semplificato che consiste in:

  • un’unica domanda;
  • un’unica lingua procedurale;
  • un unico centro amministrativo;
  • un unico fascicolo da gestire;
  • un’unica tassa da pagare: €850 per il deposito elettronico (e-filing) o €1000 in caso di deposito della domanda in formato cartaceo (a tale importo bisogna aggiungere € 50 se si intende proteggere una seconda classe di prodotti e servizi,  €150 per ogni classe protetta oltre la seconda).

Puoi registrare qualsiasi marchio perché, se non esplicitamente richiesto, non è previsto un esame di novità da parte dell’EUIPO.

Dopo la registrazione però esiste una procedura di opposizione: significa che se qualcuno ha già registrati un marchio simile o identico al tuo si può opporre alla tua registrazione.

Il marchio dell’Unione europea è valido per dieci anni e può essere rinnovato indefinitamente per periodi di ulteriori dieci anni.

Una volta depositato presso l’EUIPO, il tuo marchio sarà soggetto alle procedure d’ufficio per verificare se può essere registrato.

Le fasi:

  • Ricezione della domanda;
  • Pubblicazione della domanda;
  • Fine del periodo di opposizione (Un’opposizione può essere depositata entro tre mesi dalla pubblicazione di un marchio);
  • Pubblicazione del marchio registrato.

L’iter procedurale del marchio Europeo ha una durata calcolabile in 5 mesi circa, se tutto va bene e non insorgono ostacoli.

Conclusione:

Se stai pensando di registrare un marchio:

  • verifica che il tuo marchio sia originale e non descrittivo;
  • vedi se esistono già dei marchi simili o uguali al tuo;
  • capisci che prodotto o servizio stai per lanciare sul mercato e le classi merceologiche corrispondenti;
  • vai sul sito dell’UIBM o dell’EUIPO e verifica come funziona l’iter di registrazione;

Rifletti sull’opportunità del deposito Europeo, che ha un costo di Euro 1.600 in una classe + IVA e acc. di legge. Tieni presente che il costo è relativo a 28 Paesi e non è commensurabile con il costo del solo deposito Italiano.

Se hai dubbi e ti servono dei legali specializzati, utilizza il nostro pacchetto DANDI Marchi.

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Tutela Diritto D'Autore. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

🎓 sono l'Avvocato dei creativi: li aiuto a lavorare liberamente sentendosi protetti dalla legge

Site Footer