Diritto d’autore cinematografico – Film & TV. L’avvento della tecnologia digitale ed il parallelo processo di convergenza dei mezzi di comunicazione di massa, hanno modificato in maniera indelebile il panorama del sistema radiotelevisivo e della sua fruizione così come il concetto di esercizio cinematografico che, come tradizionalmente intesi, non hanno più senso. La digitalizzazione delle reti ed il processo di convergenza in atto tra diverse piattaforme diffusive hanno consentito l’apertura di nuovi orizzonti evolutivi, ponendo fine al principio della scarsità delle risorse frequenziali che per anni ha condizionato l’attività di regolamentazione in materia. Tale trasformazione ha favorito l’emergere di un sistema concorrenziale del tutto nuovo perché in atto tra piattaforme tecnologiche differenti e tra soggetti provenienti da mercati anche profondamente distinti e concorrenti. L’affermarsi di questo nuovo scenario digitale assume significato rilevante, in quanto tali cambiamenti concorrono in maniera integrata alla piena realizzazione del pluralismo del settore radiotelevisivo, cardine del processo democratico delle società moderne.

La riproduzione anche parzialmente di un’opera letteraria è plagio?

La riproduzione anche parzialmente di un’opera letteraria è plagio?

La riproduzione anche parzialmente di un’opera letteraria è plagio? (di Angela Patalano) In diritto d’autore, il plagio indica l’appropriazione (indebita) della paternità di un’opera dell’ingegno altrui mediante utilizzazione o riproduzione totale o parziale della stessa. Secondo

Site Footer