Metodi fai da te per tutelare il Diritto d’Autore delle tue idee

Come tutelare il diritto d’autore e le idee? Tutti gli autori, soprattutto gli esordienti, sono terrorizzati dall’idea che qualcuno rubi le loro opere e le pubblichi a suo nome, prendendosi il merito del loro lavoro. È sempre utile tutelare il diritto d’autore e proteggere la paternità del lavoro. Certo non bisogna essere paranoici, ma solo prudenti. Il problema da risolvere è: dimostrare a livello legale di essere l’autore del proprio lavoro. Ci sono vari metodi tutti ugualmente efficaci.

SIAE

Molti credono che l’unica soluzione percorribile per tutelare il diritto d’autore sia quella dell’iscrizione alla SIAE. La Società Italiana degli Autori ed Editori, infatti, ha una sua sezione specifica dedicata alle opere letterarie, chiamata OLAF. La Società Italiana degli Autori e degli Editori ha il compito di tutelare il diritto d’autore. A fronte di una somma comunque modica, la SIAE certifica la paternità da parte degli autori. Per certificare a livello legale la paternità delle tue opere, è necessario essere iscritto come autore oppure pagare una somma per ogni lavoro di tua produzione.

Ma è davvero l’unica soluzione? E poi, conviene sul serio?

La tesi dell’iscrizione obbligatoria alla SIAE è data, oltreché da retaggi storici. Per esempio, parlando di carta, si fa riferimento alla SIAE per la presenza, dietro molti dei libri in commercio nelle librerie, dei famosi bollini. Ma, come specifica anche la SIAE stessa, i bollini non sono altro che uno strumento che viene messo a disposizione del mercato e delle forze dell’ordine per distinguere le opere originali da quelle contraffatte. L’iscrizione alla SIAE non è affatto necessaria e lo dice la stessa SIAE sul suo sito:

“Non è obbligatorio aderire alla SIAE. L’adesione alla SIAE è libera e volontaria. L’autore può teoricamente decidere di curare direttamente i rapporti con gli utilizzatori per tutelare i propri diritti, ma di fatto l’intermediazione di una organizzazione specializzata e capillare è indispensabile. In Italia, l’attività di intermediazione è riservata dalla legge alla SIAE in via esclusiva. L’ autore può comunque scegliere di aderire ad altre Società di autori di Paesi stranieri.” 

Raccomandata

Altro metodo per tutelare il tuo diritto d’autore consiste nello stampare il tuo lavoro e auto spedirtelo tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, chiedendo all’impiegato postale di apporre dei timbri ben visibili con la data di spedizione. Una volta ricevuto il plico, non lo dovrai mai aprire fino a quando non sarà pubblicato. Con questo sistema sfrutti la validità legale della raccomandata per certificare che l’opera era in tuo possesso in una data particolare e certa.

Posta elettronica certificata

La Pec è una e-mail con lo stesso valore legale di una raccomandata con ricevuta di ritorno. Basta quindi inviare a te stesso il tuo lavoro tramite Pec per certificarne il possesso alla data di invio. Anche la Pec, così come la raccomandata, certifica il possesso in una certa data.

Spero di averti dato qualche indicazione utile su come tutelare il copyright della tua opera.

Se ti è piaciuto l’articolo, dona il tuo like con TinabaLike e 1 centesimo per aiutarci a scrivere e tenere aggiornato DANDI.

Like me!

liberatoria dei diritti di immagine

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Diritto d'Autore e Copyright. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

🎓Sono l'avvocato dei creativi: li aiuto a lavorare liberamente sentendosi protetti dalla legge

Site Footer