Cinque luoghi comuni sui diritti musicali

I Diritti musicali sono strapieni di luoghi comuni falsi.

Eccone 5 tra i più eclatanti.

«Al di sotto delle 8 battute si può usare tutto quello che si vuole».

È una vera e propria leggenda metropolitana. Anche una sola battuta non può essere utilizzata in contesti commerciali di qualsiasi tipo qualora non sia stata rilasciata una specifica  liberatoria di utilizzo.

«Se acquisto musica legalmente su CD o in digitale ho diritto ad utilizzarla in contesti aziendali» 

L’unico diritto che acquisisci comprando un CD o un file audio (vedi iTunes) è quello di ascoltare in privato il CD stesso. Se vuoi utilizzare anche un solo secondo di musica per scopi commerciali devi sempre assolvere i diritti di sincronizzazione editoriali e di master.

«Se realizzo una versione cover al posto di quella originale non devo pagare nulla» 

Anche se di fatto hai creato una versione e ne detieni tutti i diritti (in questo caso i diritti di master) dovrai sempre ottenere i diritti di sincronizzazionedagli autori/compositori/editori della musica (diritti editoriali). Se questi negano l’utilizzo non puoi utilizzare la registrazione che hai realizzato.

«L’utilizzo no profit è sempre libero per legge, non devo richiedere autorizzazioni» 

Falso. Si deve sempre ottenere la liberatoria dagli aventi diritto anche qualora questi siano disponibili a rilasciarla gratuitamente (cosa che può avvenire qualora venga formalmente dichiarato e dimostrato che tutto il progetto viene realizzato da tutti i partecipanti a costo zero).

«Se utilizzo un brano in pubblicità non devo pagare in quanto faccio già pubblicità al brano stesso» 

Si tratta di un utilizzo commerciale non consentito in assenza di una specifica liberatoria. Inoltre solitamente una determinata scelta musicale viene fatta con l’intento di dare valore aggiunto al messaggio pubblicitario aumentandone l’effetto ricordo e non il contrario (anche se non è escluso che talvolta un lancio di un nuovo brano possa essere sostenuto proprio dall’utilizzo in una campagna pubblicitaria).

Spero di averti dato qualche indicazione utile su come funziona il diritto d’autore in musica. Su Amazon la mia miniguida sul diritto d’autore e la musica:

Se hai dei dubbi sul diritto d’autore puoi contattarmi prenotando, al costo di € 73,00, una consulenza e il mio PRONTO INTERVENTO.

instagram-e-copyright

Se invece vuoi contribuire alla vita del nostro blog, puoi diventare Patron Sostenitore e con soli  4 $ al mese sostenere tutte le nostre attività online. Con Patreon potrai anche avere accesso a tutti gli articoli, usufruire della consulenza, dei documenti e delle liberatorie già scaricate e che saranno postate mensilmente. Puoi diventare Patron Creatore del nostro blog ed avere accesso, oltre che alle liberatorie, a tutti i contenuti del Blog di DANDI.

Se diventi Creatore, con un contributo mensile di 8 $:

  1. sostieni DANDI e tutti i contenuti gratuiti già online;
  2. hai la priorità e puoi scaricare i contenuti (comprese le liberatorie e i template dei contratti) postati mensilmente su Patreon (TAG liberatoria);
  3. potrai creare il tuo logo DANDI e metterlo in vendita con i nostri gadget nel nostro negozio online. Per diventare Patron e scaricare la liberatoria ed avere accesso a tutti gli altri contenuti,  CLICCA QUI.
CONTENUTI GRATUITI:

ascoltare-musica-podcast-claudia-roggero

Per iscriverti alla nostra newsletter inserisci la tua mail qui sotto:


Se ti è piaciuto questo articolo e sei soddisfatto delle informazioni che hai ricevuto, puoi lasciare il tuo commento al nostro blog e ai servizi DANDI QUI.

instagram-e-copyright

Se ti è piaciuto l’articolo, dona il tuo like con TinabaLike e 1 centesimo per aiutarci a scrivere e tenere aggiornato DANDI.

Like me!

instagram-e-copyright

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Tutela Diritto D'Autore e Diritto della Musica. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

🎓 sono l'Avvocato dei creativi: li aiuto a lavorare liberamente sentendosi protetti dalla legge

Site Footer