Coproduzione di un film per il cinema: perchè?

Coproduzione di un film

In un mercato stagnante, con i produttori cinematografici che non sono interessati a proposte esterne, con i partner economici che operano tagli indiscriminati sulle produzioni, l’unica risposta adeguata all’immobilismo è fare da soli.

C’è crisi, nessuno mi dà retta…

e allora cerco di realizzare da solo il mio film. Cerco disperatamente soggetti che possono finanziarmi e che siano in grado di intendere e sviluppare al meglio il mio progetto.

La coproduzione di un film potrebbe essere la giusta soluzione.

I principali finanziatori dei produttori italiani attraversano una crisi senza precedenti. In preda a voci di smembramento, distaccamento di sedi e tagli poderosi di budget, hanno il loro listino di opere bloccato. Significa che, se non sei un autore affermato, prenderanno in considerazione i tuoi progetti tra almeno due anni. Ne cominceranno a parlare. Poi si vedrà. Per quanto riguarda invece il Ministero dello Spettacolo, i finanziamenti arriveranno sempre più con il contagocce e il produttore che ha la fortuna di beneficare dei soldi ci coprirà solamente una percentuale minima delle spese.

Allora perchè non provare a fare qualcosa di internazionale?

Pensare a film e a storie che possano essere esportate e che siano facilmente piazzabili? Studiare soluzioni di coproduzione di film per il cinema e non solo?

Norme internazionali e accordi di coproduzione di un film

Le imprese cinematografiche possono partecipare con imprese estere alla produzione di film, sulla base dei trattati stipulati dall’Italia con altri Stati. Qualora i paesi coinvolti facciano parte del Consiglio d’Europa, le imprese co-produttrici possono fare riferimento alla Convenzione europea, come accordo applicabile alle coproduzioni multilaterali o bilaterali anche in mancanza di uno specifico trattato.

Elementi di base di coproduzione di un film

  • Due o più società collaborano per produrre un’opera audiovisiva.
  • Viene attribuita una quota di proprietà che rispetti l’apporto di ciascuna società.
  • Collaborare al lavoro richiesto, combinare le forze, condividere i profitti (o le perdite) nelle proporzioni concordate.
  • Ogni produttore possiede il 100% dei diritti del proprio Paese e una quota proporzionale al proprio apporto di coproduzione dei diritti nel resto del mondo, ROW (Rest of the World), esclusi i Paesi di coproduzione (Territori riservati).
  • Fine: ottenere la nazionalità nel proprio paese, per accesso a finanziamenti pubblici (governativi, regionali…), il cosiddetto soft money.

Spero di averti dato qualche indicazione utile sui contratti cinematografici e il diritto d’autore.

Ma ora finalmente è arrivato il momento del regalo!

Vuoi sapere quali sono i 10 siti da dove puoi scaricare musica copyright free per i tuoi video?

Se la risposta è si, ho preparato per te una Infografica. Puoi riceverla GRATIS. Basta che compili il modulo cliccando sulla scritta “CLICCA QUI” o sul mio avatar. Non preoccuparti è GRATIS!

🔵 Per l’Infografica “100% Free Music per i tuoi video o Podcast” CLICCA QUI 🔵

musica-video-podcast

Io ho finito e adesso tocca a te 

Su Amazon a solo € 7,00 la miniguida sul diritto d’autore e i contratti cinematografici:

Se hai dei dubbi sul diritto d’autore puoi contattarmi prenotando, al costo di € 73,00, una consulenza e il mio PRONTO INTERVENTO.instagram-e-copyright

Se ti è piaciuto l’articolo, dona il tuo like con TinabaLike e 1 centesimo per aiutarci a scrivere e tenere aggiornato DANDI.

Like me!

instagram-e-copyright

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Diritto d'Autore e Copyright e Diritto cinematografico. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

🎓Sono l'avvocato dei creativi: li aiuto a lavorare liberamente sentendosi protetti dalla legge

Site Footer