Opere derivate: di cosa si tratta?

Opere derivate

Opere derivate: di cosa si tratta? (Marta Pistone)

Con opera derivata si intende la creazione frutto dall’elaborazione o modifica di un’opera preesistente. Anch’essa è tutelata dal diritto d’autore, a patto che risponda al requisito fondamentale del carattere creativo: deve quindi possedere un quid in più di creatività e originalità rispetto all’opera su cui si radica.Un esempio di opera derivata assai comune? La traduzione.

Tale elaborazione è libera?

Anche se l’opera derivata è autonomamente tutelata, ciò non toglie che sia categoricamente richiesto il previo consenso dell’autore dell’opera originaria, prima di apportarvi qualsivoglia modifica o trasformazione. La legge stabilisce, infatti, che il diritto di apportare modifiche spetti all’autore di un’opera. Se dunque elaborassi un’opera senza dovuta autorizzazione, violerei un diritto altrui espressamente riconosciuto, non molto diversamente da colui che si appropria indebitamente di una macchina.

Come si configura il “potere di elaborazione”?

Il diritto di elaborare rientra tra i diritti morali di un autore. Questo significa che, anche se il creatore (ad esempio di un libro) avesse ceduto i diritti di sfruttamento economico, per far circolare un’elaborazione dell’opera in discussione (ad esempio una sceneggiatura per teatro) dovrei comunque chiedere a lui l’autorizzazione.

E dopo l’autorizzazione?

Ulteriori cautele sono comunque necessarie. All’autore dell’opera originaria rimane, infatti, il diritto di opporsi, anche dopo aver concesso l’autorizzazione, se dovesse ritenere l’opera derivata in pregiudizio del suo onore e della sua reputazione. Sarebbe in tal caso il giudice a decidere se sia realmente configurabile una violazione, ma si consiglia di premunirsi a tal riguardo: il tenore delle precedenti contrattazioni e accordi sono fondamentali. Per rispettare i diritti morali dell’autore originario, è necessario inserire il suo nominativo come prescritto dalle forme d’uso.

Dei casi a parte: la parodia e la caricatura.

Pur in assenza di un’esplicita previsione nell’ordinamento italiano, se l’opera è inquadrabile come parodia e caricatura, essa va esclusa dall’applicazione della normativa in tema di opere derivate. Pur ispirandosi ad opere precedenti, infatti, le loro caratteristiche le rendono creazioni autonome. Alla base di tale trattamento differenziato si pongono non solo valori costituzionali quali la libertà dell’arte e della scienza, ma la loro stessa natura di stravolgimento dell’opera cui si ispirano, di cui ribaltano il messaggio. In caso di parodia e caricatura, dunque, non si applicano le norme in tema di lesione all’onore e alla reputazione e non sono obbligatorie previe autorizzazioni.

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Copyright e tutela del Diritto d'Autore, Produzione cinematografica e audiovisiva, Diritto Televisivo e Diritto della Musica. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Claudia è un avvocato che si occupa di diritto d’autore, dei media e dell’entertainment. Rappresenta autori, sceneggiatori, registi, produttori cinematografici e televisivi indipendenti, musicisti e fotografi.

Site Footer