Il diritto di immagine e le azioni per la tutela del diritto

Il diritto di immagine e le azioni per la tutela del diritto: azione inibitoria e risarcimento del danno

Il diritto di immagine e le azioni per la tutela del diritto.

Il diritto di immagine e le azioni per la tutela del diritto riguardano l’azione inibitoria. La violazione del diritto di immagine potrebbe avvenire, per esempio, nel caso in cui qualcuno utilizzi una tua fotografia senza il tuo consenso. In quel caso potrebbe esserci lesione del diritto di immagine. Quindi? Se proprio fosse inevitabile un giudizio, che tipo di azione potresti proporre al Giudice?

Vuoi sapere in cosa consiste l’azione inibitoria?

Eccoti accontentato.

L’Azione inibitoria

Il giudice può disporre qualsiasi provvedimento idoneo ad impedire la prosecuzione o il ripetersi dell’illecito. È frequente che la tutela si realizzi attraverso una sentenza di condanna che ordini la cessazione del fatto lesivo. Tuttavia non è esclusa l’adozione di provvedimenti cautelari d’urgenza (art. 700 c.p.c.). Per esempio, al fine di evitare il ripetersi dell’abuso, il giudice può disporre la consegna al titolare del diritto all’immagine di tutti i negativi delle fotografie a lui scattate.

A cosa serve l’azione inibitoria?

L’azione inibitoria serve ad impedire la prosecuzione o il ripetersi dell’illecito. Questa azione ha come fine il risarcimento del danno per l’indebito utilizzo dell’immagine. Qualora dei terzi espongano, pubblichino o comunque sfruttino l’immagine altrui al di fuori dei casi consentiti dalla legge, l’interessato può rivolgersi all’autorità giudiziaria.

Il fine di una tale azione sarà:

  • la cessazione del comportamento abusivo;
  • accompagnato dalla richiesta di risarcimento del danno ed eventualmente la pubblicazione della sentenza di condanna.

Legittimati ad agire sono l’interessato ed alcuni dei suoi congiunti (genitori, coniuge, figli).

In nessun caso gli stretti congiunti possono vietare l’utilizzo dell’immagine cui abbia acconsentito il diretto interessato.

Il danno patrimoniale

La persona lesa può inoltre ottenere il risarcimento del danno derivante dall’utilizzo indebito della sua immagine.

Il risarcimento del danno patrimoniale.

Esso consiste nel pregiudizio economico che la vittima abbia risentito dalla pubblicazione e di cui abbia fornito la prova, quanto di quello non patrimoniale, a prescindere dalla concomitante commissione di un illecito penale.

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Copyright e tutela del Diritto d'Autore e Diritto Televisivo. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

Claudia è un avvocato che si occupa di diritto d’autore, dei media e dell’entertainment. Rappresenta autori, sceneggiatori, registi, produttori cinematografici e televisivi indipendenti, musicisti e fotografi.

Site Footer