Il copyright della cabina telefonica trasformata in acquario di Nobuki Yamamoto

L’Osaka High Court¬†ha di recente affrontato un caso interessante in tema di¬†copyright nell’arte. Si tratta dell’opera denominata¬†goldfish phone booth di¬†Nobuki Yamamoto.

Nel dicembre 2000 Nobuki Yamamoto, artista contemporaneo giapponese, realizza un’opera denominata “goldfish phone booth” (vedi sotto.) Si tratta di una cabina telefonica trasformata in acquario per pesci rossi.


Undici anni dopo un gruppo di studenti (Goldfish Club) dell’Universit√† di Arte e Design di Kyoto crea un’opera (vedi sotto) simile a quella Nobuki e la espone per sette giorni nel Parco Nakanoshima di Osaka. Da li l’opera viene trasferita due volte. La prima volta nel 2013 e poi nel nel¬†febbraio 2014 quando viene installata in una via dello shopping a Yamatokoriyama, nel distretto di Nara. Grazie¬†all’esposizione ¬†la¬†citt√† di Yamatokoriyama diventa la¬†town of goldfish.

fishtank-phonebooth-by-kingyobu-collective-in-japan

Nel 2018, Nobuki Yamamoto decide¬†di fare causa per violazione del copyright dinanzi¬†al Tribunale distrettuale di Nara. L’artista rivendica l’originalit√† dell’opera e chiede un risarcimento di 3.300.000 yen.

In primo grado¬†Nobuki Yamamoto perde la causa perch√® la sua opera viene giudicata come una semplice idea, non tutelata dal diritto d’autore.

Il Tribunale di primo grado ha affermato:

  • che l’idea dell’attore, seppur nuova e originale in quanto consiste nel¬†“creare una scena straordinaria all’interno di un oggetto quotidiano”,¬†tuttavia, era una “semplice idea”, per il¬†Copyright Japan Act,¬†non √® soggetta a protezione.
  • che “un telefono posizionato sullo scaffale superiore di una struttura a due scaffali” √® comune nelle cabine telefoniche pubbliche in Giappone.¬†Di conseguenza, non pu√≤ essere riconosciuta alcuna¬†creativit√† all’opera di¬†Nobuki Yamamoto.

Agli inizi di quest’anno l’Osaka High Court¬†ha completamente ribaltato¬†la sentenza del Tribunale di primo grado condannando i convenuti al risarcimento dei danni nella misura di 550.000 JPY (5.200 euro) a favore di di¬†Nobuki Yamamoto per violazione del copyright.

La sentenza dell’Osaka High Court non √® stata ancora pubblicata ma, a detta di¬†Jiji Press,¬†Nobuki Yamamoto, in una conferenza stampa successiva alla decisione,¬†avrebbe dichiarato

il tribunale ha accolto integralmente le mie richieste

Lo Studio Legale Dandi fornisce assistenza legale in Marchi e Proprietà Intellettuale. Dai un'occhiata ai nostri servizi oppure contattaci!

ūüéď sono l'Avvocato dei creativi: li aiuto a lavorare liberamente sentendosi protetti dalla legge

Site Footer